“Lo scaffale del MANN”: libri e arte in una nuova rassegna dell’Archeologico. Incontro con Erri De Luca

164

Al MANN  il primo appuntamento con “Lo scaffale del MANN”: libri ed arte in una nuova rassegna dell’Archeologico. Domani, mercoledì 23 ottobre (ore 17.30) incontro con Erri De Luca. 

Ancora una volta il MANN, ancora una volta protagonista di un preziosa rassegna, questa volta di letteratura e non solo. Si tratta di otto eventi ed otto libri suggeriti per riempire “Lo scaffale del MANN”, questo il significativo titolo della rassegna.

Infatti, da oggi (23 ottobre), partirà, al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, una rassegna culturale che proporrà nuovi percorsi di approfondimento fra arte, letteratura, saggistica ed attualità. 

Ideata dai Servizi Educativi del Museo, la manifestazione (ad ingresso gratuito) sarà organizzata una volta al mese (di mercoledì), da ottobre 2019 sino a maggio 2020.

 Il primo autore a lasciare una propria opera  nella libreria reale (e simbolica) del MANN sarà Erri De Luca, che presenterà oggi alle ore 17.30, nel Salone della Meridiana, il romanzo “Impossibile” (Feltrinelli, 2019). Un vero e proprio nostos, quello dello scrittore napoletano, che riprenderà all’Archeologico il suo dialogo tra le dimensioni del passato e del presente: “Bentornato Erri De Luca nel suo Museo ‘necessario’, come lo ha definito nelle pagine dedicate al MANN in ‘Consiglio di pellegrinaggio’. 

"Lo scaffale del MANN”: libri e arte in una nuova rassegna dell’Archeologico. Incontro con Erri De Luca

Siamo onorati di ospitare la presentazione del suo ultimo libro, che apre il nuovo ciclo di incontri ‘Lo scaffale del MANN’  e  lo ringraziamo per averci ancora una volta toccato il cuore con la sua forza letteraria ricca di riflessioni sull’ umanità. Si legge con emozione in ‘Impossibile’: «Un manifesto del popolo curdo dice che la loro vittoria non dipende dal numero dei nemici uccisi, ma dal numero di quelli che si sono uniti a loro.

Anche il nemico può rientrare nella fraternità». Parole che, attraverso la descrizione del sentimento per lui ‘più politico’, appunto la fraternità, ci riportano al dramma dei nostri giorni e a quello a cui il Museo vorrà dar forza nei prossimi anni, alle «voci dei vinti»”, commenta il Direttore del MANN, Paolo Giulierini. 

Il Secondo appuntamento della rassegna è fissato per mercoledì 27 novembre (ore 17) con Cristina da Milano ed Alessandra Gariboldi, che illustreranno le più moderne strategie di “Audience Development”: lo studio, pubblicato dai tipi di Franco Angeli, ha lo scopo di “mettere i pubblici al centro delle organizzazioni culturali”. 

Comunicazione e valorizzazione saranno le parole chiave della conferenza di Nicolette Mandarano (11 dicembre, ore 17), che ripercorrerà le pagine del suo “Musei e media digitali” (Carocci Editore) per mostrare quanto gli istituti culturali del terzo millennio siano in grado di puntare su nuove modalità di promozione del patrimonio.

Strettamente legato alle vicine celebrazioni della Giornata della Memoria, l’evento del 22 gennaio (ore 17) sarà caratterizzato dalla presentazione del libro di Fabio Beltrame “Eroi, traditori e complici nell’inferno nazista” (collana “Presente storico” di “Prospettiva edizioni”): un’analisi lucida che, per il suo alto valore storico, è stata inserita nella Biblioteca dell’United States Holocaust Memorial Museum di New York.

 I reperti archeologici attraversano i secoli e restituiscono non soltanto le tracce delle epoche in cui sono stati creati, ma anche le storie delle civiltà che li hanno custoditi: mercoledì 5 febbraio (ore 17) Emanuele Papi (Direttore della Scuola Archeologica di Atene) presenterà il suo libro “Pietre dello scandalo.

11 avventure dell’archeologia” (Laterza Editore), descrivendo rigore e passione dello scavo e della ricerca scientifica. Creatività al femminile nella voce della scrittrice Elena Rossi, che, nell’appuntamento di marzo (mercoledì 4, ore 17) darà voce a storie di migranti e clandestine nel suo “Onda e altri racconti” (Cosmo Iannone Editore). Ad aprile (mercoledì 22, ore 17), Flaminia Cruciani (per anni impegnata nella Missione Archeologica Italiana in Siria, ad Ebla) definirà cosa è la “poetica dell’archeologia”, rappresentata nel suo libro “Lezioni di immortalità” (Mondadori). 

Concluderà la rassegna (6 maggio, ore 17) la curiosa indagine di Michele di Gerio su “Archeologia e animali. La narrazione degli autori antichi” (Guida Editore). Un attento studioso di animali ed archeologia, un interessante percorso narrativo.