Beer Garden: Apertura con GNUT. Ecco gli eventi di maggio

1417

BEER GARDEN, (Discesa Coroglio 34) apre la sua stagione, con la direzione artistica New Reel Records, sabato 29 aprile alle 21. Musica, birra e tantissimi ospiti. Ecco il calendario degli eventi del mese di maggio: Capitan Capitone e i Parenti della Sposa, Piero Gallo Quartet, Nicola Caso & Powa Trio, Ventinove e Trenta, Thisage, Slivovitz, Uanema Swing Orchestra, Peppe-Oh e la Babe Band.

Il Beer Graden, dopo le prime due candeline spente sabato scorso, apre la sua stagione, con la direzione artistica New Reel Records, sabato 29 aprile alle 21, in grande stile e con un cartellone pieno di buone proposte. Un luogo d’incontro ideale per tutti coloro che amano il bere in compagnia all’aria aperta. Beer Garden,  “Giardino della Birra”, (Discesa Coroglio, 34) nasce infatti dall’esigenza di voler riscattare un territorio, quello di Bagnoli-Coroglio, da sempre soggetto a soprusi e che proprio per questa ragione è l’emblema di promesse mai mantenute. Inoltre la filosofia insita nella concezione stessa del termine Beer Garden, dal tedesco Biergarten, che internazionalmente designa un luogo all’aria aperta dove si serve la birra, consente alla clientela di addentrarsi sin da subito in un ambiente in cui regna sovrana un’atmosfera briosa e familiare. Sabato 29, Beer Garden apre con Gnut che, senza interrompere il tour estivo, sta lavorando su un nuovo disco e, in scaletta insieme ai brani di “Domestico”, metterà inediti in anteprima. On stage con Claudio Domestico (chitarra e voce), Marco Caligiuri (batteria), Gianluca Capurro (chitarra), Valerio Mola (contrabasso), Daniele “Mr Coffee” Rossi (tastiere), Mattia Boschi (violoncello). Toccherà poi a Tartaglia Aneuro (venerdì 5 maggio, alle 21), in tour con l’album autoprodotto “Per errore”, dove in 11 brani viene raccontata una voce interiore che soffre per la direzione che l’uomo ha intrapreso, distante dalla natura, distante da sè stesso.beer gardenSabato 6 maggio alle 21 doppio live sul palco del Beer Garden, con il concerto dei Ventinove e Trenta e dei Thisage. I Ventinove e Trenta nascono nel 2015 con un’idea ben chiara: suonare insieme è un divertimento, e divertito deve sentirsi chi ascolta la musica. Il loro repertorio, energico e scanzonato, prende libero spunto da generi differenti quali blues, swing, funk nella definizione di un sound corposo e accattivante. I testi, integralmente in lingua napoletana, sono un omaggio alla città natale della band, fonte inesauribile di ispirazione da cantare e suonare col sorriso. Loro sono Carlo de Rosa (voce), Pasquale Di Marino (batteria), Roberto Veneri (chitarra), Francesco Verrone (basso), Alessandro Zinno (sassofono). Thisage è un progetto musicale che ha come unico, grande obiettivo, quello di raccontare il proprio sentimento. Sul palco Mario Manduca (voce, chitarra), Andrea Boccia (voce, chitarra), Lorenzo Manduca (voce, basso), Marco Fiandra (percussioni), Andrea Esposito (rap).beer gardenVenerdì 12 maggio, al Beer Garden, alle 21, tocca a Nicola Caso & Powa Trio, ovvero Nicola Caso (voce e chitarra), Gianmarco Angelone (basso), Leo Ingegno (batteria). Dopo più di due anni di scrittura e di lavoro in studio e a dieci anni dall’album di esordio “Neapolitan Hard-Pop”, Nicola caso ritorna con “Svendesi”, un doppio album composto da 33 tracce suddivise in due dischi, “Odio” e “Svendesi”, fisicamente separati ma uniti da un filo conduttore concettuale. Un viaggio che va dall’odio più viscerale all’infinita dolcezza di un amore romantico, l’impegno e il puro intrattenimento, condito da tracce di ironia, tra frustrazione e riscatto, ansia e malinconia, catarsi crude e immagini sognanti.

Sabato 13 maggio, alle 21, la scena del Beer Garden diventa rap con Peppe-oh e la BabeBand che si incontrano nell’estate del 2014 e nel 2015 portano sul mercato discografico “Sono un cantante di Rap”. In quell’estate Pepp-Oh, Salvatore Cecere (batterista), Marco Cecere (bassista) e Luca Fiorillo (chitarrista) cominciano per puro diletto a fare un po’ di musica insieme, chiudendosi per ore e ore in sala e lasciandosi totalmente trasportare dai groove che in modo del tutto naturale seguivano il loro corso e dalle rime del rapper, strofe personali riadattate sui temi musicali che questa prima formazione improvvisava. Si aggiungono poi tastiere e sequenze con Gianluca Albrizio (DJ Cioppi) e Paolo Astarita.

Venerdì 19 maggio, alle 21, al Beer Garden è tempo di pirati con Capitan Capitone e i Parenti della Sposa, in formazione completa a raccontare il secondo capitolo della saga iniziata con i Fratelli della Costa. On stage, Daniele Sepe, Tommy De Paola, Paolo Forlini, Davide Afzal, Mario Insenga (Blue Stuff), Maurizio Capone (Capone & BungtBangt), Alessio Sollo (The Collettivo), Dario Sansone (Foja), Gnut, Roberto Colella (La Maschera), Alessandro Morlando (La Maschera), Martina De Falco, Andrea Tartaglia (Tartaglia Aneuro), Sara Sossia Squeglia, Gino Fastidio, Carmine D’Aniello (‘O Rom), Nelson.

Sabato 20 maggio, alle 21, on stage Uanema Swing Orchestra che nasce dall’incontro di alcuni musicisti accomunati dalla passione per il Dixieland e lo Swing. Il progetto ha inizio come laboratorio di musica all’ex Asilo Filangieri, sviluppando un repertorio che spazia su tutta la gamma dei registri espressivi del genere: dal blues al ragtime, dallo swing fino alle canzoni più celebri. L’idea di creare una orchestra partenopea è nata soprattutto dalla spinta della nuova generazione di ballerini di questo tipo di danza, conosciuta con il nome di Lindy Hop. La forte carica di energia si manifesta compiutamente negli entusiasti ballerini di Swingin’ Napoli, per uno spettacolo di grande impatto emotivo. Sul palco Sara Persico (voce); Ciro Riccardi (tromba); Rino Saggio (sassofono tenore); Massimiliano Sacchi, (sassofono baritono e clarinetto); Mario Tammaro (trombone); Dario De Luca (chitarra); Bruno Belardi (contrabbasso) e Matteo Nocera (batteria).

Venerdì 26 maggio, alle 21, Piero Gallo Quartet che porta sul palco del Beer garden l’energia di Mediterranean Experience, in cui si intrecciano folk e world music. Con Piero Gallo (mandolina, strumento ricavato dalla fusione di mandolino e mandola), Raffaele Vitiello (chitarre), Marco Caligiuri (batteria) e Luca Caligiuri (basso).

Sabato 27 maggio, alle 21, chiudono questo primo giro di programmazione del Beer garden, Slivovitz, un progetto che nasce a settembre 2001 e da allora non ha mai smesso di muoversi, crescere, forma e direzione sempre nella scanalatura della musica strumentale legata alla musica etnica jazz rock. Hanno pubblicato tre dischi: Slivovitz (Ethnoworld 2005), Hubris (registrato nel 2007 e pubblicato da Moonjune nel 2009) e Bani Ahead (Moonjune 2011). Gli Slivovitz sono Derek Di Perri, Marcello Giannini, Vincenzo Lamagna, Salvatore Rainone, Ciro Riccardi, Pietro Santangelo, Riccardo Villari.

 

Ufficio Stampa:

Francesca Scognamiglio Petino | francesca.sco@gmail.com | +39 3493553036

Rosa Criscitiello | rosacriscitiello@gmail.com | +39 3510178836