Cina, a fine ottobre aprirà il ponte più lungo del mondo

544
Cina, a fine ottobre aprirà il ponte più lungo del mondo

Cina: il ponte sarà lungo ben 55 km e ridurrà i tempi di viaggio da Hong Kong a Macao.

Verrà aperto con ogni probabilità a fine ottobre in Cina il ponte più lungo del mondo. Esso misurerà 55 chilometri e collegherà Hong Kong, Zhuhai e Macao. Come riporta “Il Mattino”, l’iter per la sua costruzione ha visto diverse anomalie tecniche, incidenti nei cantieri, oltre che un’inchiesta per corruzione e vari problemi relativi allo sforamento del budget: l’apertura era prevista per il 2016.

Come anticipato dal South China Morning Post, domani gli ufficiali delle tre città dovranno presentare al governo di Pechino un rapporto sulle operazioni di collaudo terminate domenica 30 settembre (quasi 40 veicoli per ciascuna città hanno testato le capacità di trasporto dei passeggeri e l’efficienza dei semafori e dei sistemi informatici). Per la realizzazione del ponte sarebbero stati utilizzati 1,08 milioni di metri cubi di cemento e 420mila tonnellate d’acciaio: il costo è di 20 miliardi di dollari. La struttura dovrebbe resistere a terremoti di 8 gradi della scala Richter e restare in piedi per 120 anni.

Grazie a questo ponte, verranno drasticamente ridotti i tempi di viaggio tra Hong Kong e Macao che si aggirano adesso intorno alle 4 ore, se si sceglie il percorso terrestre, o ai 40 minuti se invece si sale a bordo di un traghetto: quando il mega ponte sarà fruibile al pubblico ci vorranno soltanto 30 minuti. Il viadotto è costituito anche da un tunnel sottomarino scavato a 44 metri di profondità e lungo più di 6 chilometri e mezzo, alle cui estremità sono state realizzate due isole artificiali.Cina, a fine ottobre aprirà il ponte più lungo del mondo Tuttavia, nonostante i benefici al traffico, sono stati sollevati dubbi sull’utilità del ponte, dal momento che esistevano già altri modi per spostarsi da una città all’altra. La costruzione era iniziata nel 2011 e dovrebbe consentire la partenza da Hong Kong di 11 veicoli al minuto, cifra che però la Cina pensa di quadruplicare entro il 2035.

Ogni notte la struttura viene illuminata da luci ad alta efficienza energetica, ma la suggestione aumenta grazie agli effetti colorati dei LED che invece sono impostati per le festività. Diversi tour operator hanno già lanciato delle crociere per turisti interessati a vedere il grandioso ponte.

L’intensificarsi del traffico marittimo aveva tuttavia allarmato le associazioni che proteggono i delfini bianchi cinesi di Hong Kong (specie considerata a rischio) e il loro habitat naturale: le autorità hanno però rassicurato di aver adottato le misure necessarie a proteggerli nella progettazione del viadotto. Inoltre, il ponte si inscriverebbe nella strategia di Pechino volta a integrare Hong Kong nell’economia della Cina continentale, spegnendo le sue aspirazioni a una maggiore autonomia politica.