Pastry Cup, grande successo in Costiera per il contest dedicato alla sfogliatella

139
Pastry Cup, grande successo per il contest dedicato alla sfogliatella

Per l’ottava edizione del Pastry Cup, la giuria, composta da nomi noti del settore, ha premiato nella chiesa di Santa Rosa, annessa all’omonimo monastero, il pasticciere milanese Galileo Reposo con “La Saint Rose”.

Bilancio positivo in Costiera Amalfitana per l’ottava edizione del Pastry Cup, contest dedicato alla sfogliatella, preparata ‘per caso’ per la prima volta nel 1700 dalle suore del monastero di Santa Rosa a Conca dei Marini e, dopo la diffusione della ricetta rimasta segreta per oltre un secolo, diventato uno dei dolci simbolo della tradizione. Il tema di quest’anno era “La Santarosa…Sciantosa”, i 5 finalisti in gara dovevano declinare la sfogliatella, destrutturandola nella forma ma lasciandone invariata l’identità e arricchendola con un elemento che fungesse da trait union tra Conca dei Marini, la Parigi dei Café-Chantant e la Napoli di fine Ottocento dove la chanteuse parigina si trasformò nella “sciantosa”. Proprio come la “Santarosa”, un dolce dalla croccantezza accattivante e dalla piacevole armonia di sapori che all’ombra del Vesuvio, incontrando i gusti dell’epoca, vestì i panni della sua versione “riccia”.

La classifica finale secondo.

La giuria, composta da nomi noti del settore come Gino Fabbri, Paolo Sacchetti, Yann Duytsche, Sal De Riso, Nicola Pansa, Alfonso Pepe, Natale Giunta, Mauro Bochicchio ed Eleonora Cozzella, ha premiato nella chiesa di Santa Rosa, annessa all’omonimo monastero, il pasticciere Galileo Reposo (Milano) con “La Saint Rose”, che si è piazzato davanti a Giacomo Besuschio (Abbiategrasso), Vincenzo Faiella (Ercolano), Salvatore Gabbiano (Pompei) e Carmen Vecchione (Avellino).