giovedì, Giugno 30, 2022

Emergenza coronavirus, Conte: “Misure restrittive su tutto il territorio nazionale”. [VIDEO]

- Advertisement -

Notizie più lette

Coronavirus, il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa: “Firmato il DPCM con misure drastiche in tutta Italia, come in Lombardia, per contrastare la diffusione del Covid-19”. [VIDEO]

Conferenza stampa in diretta del premier Giuseppe Conte trasmessa in diretta video sul canale YouTube di Palazzo Chigi e dalle principali emittenti televisive italiane, da Rai News24 a Sky Tg24 e La7.
Il bilancio dell’epidemia si è aggravato: c’è stato un balzo di 1.598 casi nel giro di 24 ore. Si tratta di un incremento del 25 per cento. E poi ci sono 733 persone ricoverate in terapia intensiva, 83 in più rispetto a ieri.

NUOVO DPCM 9 MARZO 2020 

La Protezione civile sta cercando di far arrivare le attrezzature sanitarie acquisite, mentre in parallelo continua il trasferimento di alcuni pazienti nelle altre regioni italiane. Il governo ha deciso dunque di estendere le drastiche misure adottate nelle zone rosse a tutta l’Italia. Pertanto non ci sono più zone rosse.
La chiusura delle scuole è prorogata per tutto il territorio nazionale fino al 3 aprile. Sospese tutte le attività e gare sportive tra cui il campionato di calcio di serie A. Infatti c’è l’accordo del Coni e delle Federazioni. Giovanni Malagò e i presidenti federali si sono riuniti e hanno deciso di sospendere tutte le competizioni, ad ogni livello, fino al 3 aprile.

MODULO DI AUTOCERTIFICAZIONE – modulo-autocertificazione-coronavirus

Evitare gli spostamenti da casa senza giusto motivo

Evitare gli spostamenti su tutto il territorio, a meno che non siano motivati da questi tre casi: comprovate ragioni di lavoro, casi di necessità o motivi di salute. Per quanto riguarda l’autocertificazione, Conte ha sottolineato che “è una modalità accolta ormai in generale nel nostro ordinamento giuridico: è possibile se richiesto di giustificare lo spostamento, motivare la ragione”. Ma ha avvertito: “Le dichiarazioni devono essere veritiere. Se ci fosse una dichiarazione non veridica ci si espone a un altro reato che si aggiunge allo spostamento non giustificato. In più c’è la falsa certificazione”.

No limitazione ai trasporti pubblici, garantire la continuità del sistema produttivo

Il premier ha specificato che “non è all’ordine del giorno una limitazione dei trasporti pubblici, per garantire la continuità del sistema produttivo e consentire alle persone di andare a lavorare”. Confermata la chiusura  delle scuole: “Portiamo la sospensione dell’attività didattiche sino al 3 aprile su tutta la penisola isole comprese”. Con le nuove misure, poi, “ci sarà un divieto di assembramenti” in tutta Italia, all’aperto e in locali aperti al pubblico, ha aggiunto Conte. “Non ci possiamo permettere più queste situazioni di aggregazione che diventano situazioni di contagio. Non possiamo permetterci di abbassare la guardia, è il momento della responsabilità. Il futuro dell’Italia è nelle nostre mani. Queste mani devono essere responsabili oggi più che mai”, ha spiegato. Si ferma anche lo sport: “Non c’è ragione per cui proseguano le manifestazioni sportive“.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie