Nestlè, 7 miliardi di dollari per vendere il caffè Starbucks nel mondo

594
Crollo in borsa per Starbucks, chiudono 150 caffetterie

Starbucks: l’accordo da 7 miliardi di dollari consentirà alla Nestlè di distribuire a livello mondiale alcuni prodotti della nota catena di caffetterie Usa.

La Nestlè, celebre colosso agroalimentare svizzero, ha raggiunto un importante accordo da con la catena di caffetterie Usa Starbucks.Nestlè, 7 miliardi di dollari per vendere il caffè Starbucks nel mondo In cambio di ben 7,15 miliardi di dollari, il brand elvetico distribuirà a livello globale i prodotti Starbucks, Seattle Best Coffee, Starbucks Reserve, Teavana, Starbucks Via e Torrefazione Italia, di cui ha ottenuto la licenza. L’accordo, come spiegato dal Wall Street Journal, riguarda un giro di affari di prodotti di oltre 2 miliardi di dollari ed esclude le attività fisse (i locali Starbucks) e le bevande ready to drink, che (famose anche con l’acronimo RTD) sono vendute in forma già preparata e pronta al consumo. I ready to drink possono essere quindi sia bevande alcoliche (come ad esempio vodka o rum miscelate con succhi di frutta) o analcoliche (come tè o caffè freddo). Viceversa, il ready to drink non include quelle bevande che richiedono una preparazione per ottenere il prodotto finale.

Nestlè: “Accordo importante per le nostre attività del caffè”

L’operazione, che adesso dovrà essere approvata dalle autorità di controllo e sarà finalizzata quest’anno, porterà i due gruppi a collaborare sull’innovazione e sulle strategie di prodotto: saranno circa 500 gli addetti di Starbucks a entrare nel gruppo elvetico. “Questa transizione – ha spiegato Mark Schneider, numero uno di Nestlè – segna una tappa importante per le nostre attività del caffè, la categoria di prodotto a più forte tasso di crescita del gruppo“. Il caffè è una delle 4 categorie di prodotto che rientrano nell’intesa. Schneider, che ha preso le redini del famoso gruppo svizzero nel gennaio del 2017, ha puntato molto sull’espansione nel caffè e in particolare ha spinto Nestlè ad acquistare diverse caffetterie di fascia alta in America del Nord, in particolare la californiana Blue Bottle Coffee.