Fatturazione elettronica, c’è anche il bollo virtuale: ecco le info

425
Fatturazione elettronica, c’è anche il bollo virtuale: ecco le info

Bollo virtuale: ecco le informazioni sul suo importo e come si paga tale imposta.

In materia di fatturazione elettronica, è importante anche il bollo virtuale. Come riporta “Termometropolitico”, i contribuenti potranno versare l’imposta da bollo dovuta in anticipi bimestrali entro specifiche scadenze. Perciò, i contribuenti dovranno sempre presentare una dichiarazione con il numero di atti e i documenti emessi attraverso un apposito modulo di richiesta, da presentare all’Agenzia delle entrate esclusivamente online (anche tramite un intermediario autorizzato se non si possiede il Pin Fisconline o Entratel necessario).

Bollo virtuale, ecco quando è obbligatorio

L’imposta di bollo è obbligatoria per tutte le fatture di importo superiore ai 77,47 euro. Quindi, si applica sulle operazioni escluse o esenti dall’applicazione dell’Iva, così come sulle fatture di chi ricade nel regime dei minimi. In questi casi, il pagamento dell’imposta virtuale dovrà essere preceduta dall’invio all’Agenzia delle Entrate del modulo di “Autorizzazione ad assolvere l’imposta di bollo virtuale”.

Oltre che per dichiarare l’intenzione a versare l’imposta di bollo dovuta per gli atti e i documenti emessi nell’anno precedente in modo virtuale, essa serve anche per modificare una dichiarazione precedentemente presentata.

Bollo virtuale, ecco come si versa tale imposta

Il versamento dell’imposta riguarda l’anno intero e va effettuata tramite modello F24, su cui andrà inserito il calcolo dell’imposta dovuta al netto della cifra da versare o da richiedere a titolo di rimborso.

Il modello F24 va compilato inserendo il codice tributo, che, in caso di “imposta di bollo su libri, registri e altri documenti rilevanti”, sarà 2501. Tale codice indica la liquidazione del bollo su fattura elettronica.