Coronavirus: domenica 22 e 29 marzo alcuni supermercati della Campania restano chiusi

463
Napoli, Chiaia: Furto in un supermercato in via Lomonaco. Arrestato 36enne

Coronavirus in Campania: alcune aziende della Grande Distribuzione annunciano la chiusura domenicale dei propri punti vendita. Confcommercio chiede a De Luca la riduzione dell’orario di lavoro nei supermercati.

Emergenza Coronavirus. Le aziende della Grande Distribuzione del Mezzogiorno d’Italia annunciano la chiusura domenicale dei loro punti vendita in Campania: “La decisione, presa di comune accordo dalle principali aziende della Gdo del Sud Italiasi legge in una nota – è finalizzata a consentire il giusto riposo ai lavoratori dei supermercati, messi a dura prova in un momento di grande emergenza e a garantire adeguati livelli di servizio alla clientela”.

Come riporta “Il Mattino” all’iniziativa aderiscono Apulia Distribuzione, Az Master Coop, Gda, Maiora S.r.l., Gruppo Megamark, Tatò Paride S.p.A: “Pertanto, domenica 22 e 29 marzo, tutti i supermercati a gestione diretta delle rispettive reti resteranno chiusi”.Coronavirus: domenica 22 e 29 marzo alcuni supermercati della Campania restano chiusi Sull’argomento interviene anche Confcommercio, che chiede al Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, la riduzione immediata degli orari di lavoro nella grande distribuzione: “È necessario, così come avvenuto nella regione Lazio, provvedere anche in Campania alla riduzione dei turni di lavoro -si legge in una nota di Giuseppe Medici, consigliere di Confcommercio e imprenditore del settore- Occorre questa modifica in quanto il notevole stress cui è stata sottoposta la filiera della grande distribuzione sta comportando una notevole difficoltà nella copertura dei turni di lavoro. I dipendenti da settimane vivono in una condizione di stress dovuto al continuo contatto con il pubblico e inevitabilmente cominciano a esserci carenze di personale per varie motivazioni.

Ciò comporta difficoltà nella copertura dei turni di lavoro. La riduzione dell’orario di apertura della grande distribuzione è motivata anche dal fatto che al momento non c’è più l’assalto all’approvvigionamento nei supermercati ed essendo sempre più vuota la città e ridotta l’operatività degli uffici, grazie allo smart working, non c’è più afflusso di clientela tale da giustificare aperture serali.

Tutto ciò -conclude la nota- ci porta a ritenere di poter fare una proposta al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca di riduzione dell’orario di lavoro dei supermercati dalle 8:30 alle 19 giorni feriali e dalle 8:30 le 13:30 nei festivi”.

Foto all’interno: “Il Mattino”