22-10-20 | 17:01

De Luca: “Pronti a chiudere tutto se la situazione dovesse peggiorare” (VIDEO)

Home Attualità De Luca: “Pronti a chiudere tutto se la situazione dovesse peggiorare” (VIDEO)
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
55f753ac4fd0bf9dc9150b50d12da632?s=120&d=mm&r=g
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista pubblicista.

De Luca fa il punto sul Covid 19 in Campania e invita al rispetto delle ordinanze: “Dati peggiori rispetto al periodo del lockdown”.

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha fatto il punto della situazione durante la consueta diretta Facebook del venerdì. Una diretta durata quasi un’ora, nel corso della quale il governatore ha analizzato la difficilissima situazione dei contagi attraverso vari dati: “La realtà -dice De Luca- vede la Campania come la regione più delicata ed esposta d’Italia. Fino a maggio, quando decidevamo noi per la Campania, vi era un percorso. Dopo l’apertura di tutto, si sono limate le barriere della mobilità fra regioni, aperte frontiere, ed è la Regione più esposta. I dati dell’ultima settimana: siamo passati dal 16 settembre a 186 casi, poi 195, 208, 158, 171, il 21 settembre 242 casi, martedì 156, il 23 248, oggi 253 con 7mila e oltre tamponi fatti e con una percentuale di positivi del 3,38%. E se non avessimo fatto controlli al ritorno dalle vacanze questi dati sarebbero raddoppiati”.

Il numero uno di Palazzo Santa Lucia afferma inoltre che “sono oltre 14mila i positivi complessivi in Campania, la previsione degli epidemiologi con la previsione per i prossimi 10 giorni (fino al 21 ottobre) c’è un incremento di 5mila contagi. Oggi abbiamo 371 persone ricoverate, 552 i posti letto per pazienti covid ma c’è una percentuale di asintomatici molto più grande rispetto a marzo questo però significa che abbiamo meno ricoveri in terapia intensiva ma un numero elevato di ricoveri ordinari. Complessivamente possiamo arrivare a 940 posti letto. Il dato a oggi è gestibile ma dobbiamo vedere tra dieci giorni quando avremo altri 5 mila contagi. Dobbiamo calcolare un 10% di ricoveri rispetto ai positivi, da qui a metà ottobre la situazione è delicata.

Coronavirus, il punto della situazione

🔴#CORONAVIRUS: facciamo il punto della situazione. Ecco gli ultimissimi aggiornamenti e, nel dettaglio, ciò che intendiamo fare per contenere i contagi in vista degli scenari possibili delle prossime settimane.Seguiteci:

Pubblicato da Regione Campania su Venerdì 25 settembre 2020

Se la situazione diventa drammatica troveremo altri posti letto rinviando gli interventi ordinariamente previsti. Per le terapie intensive abbiamo 25 ricoveri, 38 sono liberi ma nell’arco di 48/72 ore ne potremmo avere 500. Abbiamo fatto un lavoro straordinario, dal punto di vista delle terapie intensive siamo la regione che ha fatto lo sforzo più grande. L’obiettivo è arrivare a 900 entro l’anno. Si è alzata l’età dei pazienti. Abbiamo in isolamento domiciliare 4mila 761 persone. Il picco sarà tra fine ottobre e inizio novembre. Dobbiamo fare oggi uno sforzo straordinario di controllo del territorio, altrimenti ci saranno momenti molto difficili. Siamo stati i primi a procurarci i vaccini antiinfluenzali. Quest’anno bisogna partire con la campagna già dal primo ottobre. Rivolgetevi alle Asl per effettuare il vaccino”.

Dati nettamente superiori rispetto al periodo del lockdown: “Oscilliamo tra i 180/200 contagi, a fine marzo (il 25 marzo) avevamo 100 contagi giornalieri -prosegue- Oggi siamo a 200, il doppio. A marzo avevamo più ricoveri ordinari, 133 in terapia intensiva, oggi 38. Il 25 aprile i casi positivi oscillavano tra i 30/40, oggi 200. Ricoveri 608, terapie intensive 97, tre volte di oggi. 25 maggio 11710/15 contagi giornalieri. Più ricoveri e terapie intensive 30 ricoveri (come oggi). Ricordo questi dati per spiegarvi che oggi siamo nel pieno dell’ondata di ritorno dell’epidemia. Se abbiamo reso obbligatorie le mascherine, anche quando si va fuori casa è perché siamo in una situazione che dal punto di vista del numero dei contagiati è più pesante rispetto a marzo con il problema dell’apertura dell’anno scolastico”.

Motivo per cui non si escludono decisioni clamorose: “Ve lo dico fraternamente, le alternative sono drammaticamente semplici: o decidiamo di convivere con il covid fino al vaccino e rispettiamo regole rigidissime, o l’alternativa tra una settimana sarà la progressiva chiusura delle attività economiche, dei locali, dei bar. Non ci sono terze vie -tuona il governatore- Voglio vedere le mascherine sulla bocca non sul gomito. Se tra 3/4 giorni la situazione non cambia ma si aggrava, noi chiuderemo tutto. Se l’alternativa è passeggiare in allegria o avere i morti per strada non ci sono dubbi. Vi prego di fare questo piccolo sacrificio, altrimenti chiuderemo quante più attività economiche possibili. Abbiamo cominciato con la mascherina obbligatoria, la misurazione della temperatura. Ci sarà un periodo di 24 ore in cui la Polizia avrà tolleranza per chi non indossa la mascherina, poi partirà la multa di mille euro. Se non si cambia, passeremo ai locali della movida. Lo sapete, quando c’è da decidere -conclude De Luca- la Campania è la prima a farlo”.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Meteo Napoli, dal weekend torna la pioggia

Meteo Napoli: il caldo e le belle giornate di questo fine ottobre stanno per lasciare spazio al ritorno del maltempo. Da venerdì e nel weekend...

Covid 19 a Marano: morto un docente della scuola Siani

Covid 19: un docente della scuola Giancarlo Siani di Marano (ma residente a Villaricca) è deceduto in ospedale. Una triste notizia sconvolge la scuola Giancarlo...

L’Ospedale Pascale di Napoli tra i 50 migliori al mondo

Per la prima volta l'Ospedale Pascale entra nella classifica dei World's Best Hospitals stilata ogni anno da Newsweek. Al 40esimo posto nel mondo e al...

Covid 19 in Campania, De Luca firma nuova ordinanza: coprifuoco dalle 23 alle 5

Covid 19 in Campania: il governatore Vincenzo De Luca ha firmato l’ordinanza numero 83 (che fino dal 23 ottobre al 13 novembre prevede il...

Regione Campania, bonus Taxi ed NCC: sesto elenco beneficiari (SCARICA PDF)

Regione Campania: sesto elenco dei beneficiari per i quali è stata disposta la liquidazione del bonus di 2000 euro per le attività di trasporto...