sabato, Luglio 2, 2022

Dante: giornale tedesco lo definisce “plagiatore” (ma l’articolo è stato tradotto male)

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormone
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Dante: in occasione del Dantedì si è scatenata una polemica riguardo un giornale tedesco (il cui articolo è però stato tradotto male).

Proprio ieri, giovedì 25 marzo, giorno del Dantedì (in cui l’Italia ha reso omaggio al Sommo Poeta a 700 anni dalla morte), sembrava essere arrivato un clamoroso attacco a Dante dalle pagine di Frankfurter Rundschau, quotidiano tedesco.

Alcuni dei principali quotidiani italiani avevano riportato le parole del fondatore della testata e traduttore, Arno Widmann, secondo le quali la Divina Commedia non sarebbe affatto una trovata originale, ma sarebbe stata preceduta da poema mistico arabo in cui si narra l’esperienza dell’ascesa al Cielo, come sottolineato dallo studioso spagnolo Asín Palacios nel 1919.

Immediata l’indignazione del mondo politico italiano, con in testa il ministro della Cultura, Dario Franceschini, che con un tweet ha citato un famoso verso della Divina Commedia: “Non ragioniam di lor, ma guarda e passa”.

Tuttavia, tale articolo non parla affatto di Dante come poeta “arrivista e plagiatore”. Il pezzo è stato infatti tradotto male, visto che nella realtà tratta della poesia provenzale per poi arrivare prima alla Divina Commedia (senza alcun attacco al Sommo Poeta) e infine a Shakespeare. Che in questo caso direbbe, ricordando il titolo di una sua famosa commedia, “Molto rumore per nulla”.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie