“Viento ‘e terra”, un giallo dai toni nostalgici ambientato nella periferia più vera di Napoli

294
“Viento ‘e terra”, un giallo ambientato nella periferia più vera di Napoli.

“Viento ‘e terra”, un giallo napoletano dai toni nostalgici, è il romanzo d’esordio di Luigi Giampetraglia.

“Viento ‘e terra”, il romanzo d’esordio di Luigi Giampetraglia, è un poliziesco vero, con un morto ammazzato, anzi, una morta ammazzata, un cospicuo gruppo di sospettati, il poliziotto buono e una serie di possibili cattivi. Gli ingredienti ci sono tutti, per dare vita a un libro che si legge tutto d’un fiato, che vorresti che non finisse, che ti tiene incollato alle pagine innanzi tutto per la forza della sua scrittura.

Già, perché Giampetraglia è proprio bravo. Sin dalle prime righe si percepisce la padronanza della lingua attraverso i dialoghi, anche in dialetto napoletano, che sono il vero fiore all’occhiello di questo romanzo. La capacità narrativa, unita alla conoscenza delle dinamiche d’indagine e delle trame di cui sono fatti certi contesti della periferia napoletana, creano quindi una storia, che apre lo sguardo lungo sulla realtà di San Giovanni a Teduccio, teatro dell’intreccio narrato dall’autore. Non solo. La storia scandaglia tutti quei sentimenti, emozioni, paure, dolori che muovono la vita degli uomini e ne definiscono la sorte, sia buona che cattiva, creando una linea sottile dove il buono non è proprio buono e il cattivo non è del tutto cattivo.

La storia racconta di Mimì Sannazzaro che, dopo dodici anni di assenza, torna a fare il poliziotto nel quartiere che lo ha visto ragazzo. Qui, si troverà a dover indagare sugli amici di gioventù, in costante equilibrio tra i ricordi di un tempo e la realtà a volte cruda con cui è costretto a misurarsi. Un viaggio che lo porterà verso mete inattese, spinto dal misterioso ‘viento ‘e terra’ che, come dice Ottavio Mirra nella bella prefazione, è un vento che, quando spira, è pericoloso e infido.

Luigi Giampetraglia, originario di San Giovanni a Teduccio, vive in provincia di Avellino. Ha una moglie, tre figli, un cane, un gatto e un mutuo. Ama soprattutto leggere, è un divoratore seriale di libri di ogni genere e ama scrivere. È risultato vincitore di numerosi premi letterari di caratura nazionale e i suoi racconti sono stati pubblicati in antologie edite da Nottetempo, Historica, Polizia-Moderna.

‘Viento ‘e terra’ è pubblicato da Terebinto Edizioni

Foto di copertina di Simona Guarracino