Lalla Esposito e Massimo Masiello con “Sfogliatelle e altre storie d’amore” al Teatro Mario Scarpetta di Ponticelli

236
Lalla Esposito e Massimo Masiello con “Sfogliatelle e altre storie d'amore” al Teatro Mario Scarpetta di Ponticelli

Lalla Esposito e Massimo Masiello con lo spettacolo “Sfogliatelle e altre storie d’amore”, sabato 14 e domenica 15 dicembre al Teatro Mario Scarpetta di Ponticelli.

Saranno gli applauditi attori e cantanti Lalla Esposito e Massimo Masiello con lo spettacolo “Sfogliatelle e altre storie d’amore”, i protagonisti del prossimo spettacolo in cartellone al Teatro Mario Scarpetta di Ponticelli.

In scena sabato 14 alle ore 21 e domenica 15 dicembre alle ore 18.30 i due artisti proporranno il collaudato lavoro tutto imperniato tra donne e uomini sulle storie strane d’ amore e le canzoni di una Napoli anni Trenta già proiettata sul tema dell’emancipazione femminile.Lalla Esposito e Massimo Masiello con “Sfogliatelle e altre storie d'amore” al Teatro Mario Scarpetta di Ponticelli

Artefici del lavoro teatral-musicale, Lalla Esposito e Massimo Masiello conducono gli spettatori in uno spazio magico, per comprendere e provare sensazioni fatte di umorismo e amore in una sorta di singolar tenzone tra uomo e donna.

Attraverso le più celebri “macchiette” del repertorio napoletano e quel genere di canzone definita umoristica, i due artisti producono un momento di spettacolo in bilico tra l’ironia ed il quadro del mutamento sociale della donna anni Trenta.

Portando in scena “femmine” emancipate in lotta con uomini ancora legati alle figure delle Marie innamorate e delle signorine digiacomiane dalle ciliege in grembo da ritrovare in bucolici luoghi profumati di rose a cento passi, la coppia Esposito- Masiello, canta, recita ed emoziona.

Il tutto, nel segno di una Napoli di inizio secolo ancora ignara delle brutture di una società privata fino all’assurdo dei sentimenti. Come le note di una stessa melodia e come i versi di un’unica grande canzone, i due artisti trasformano in momenti di teatro i loro brani.

Precisi come due certosini dell’Avanspettacolo, in sincronia tra loro come gli ingranagi di un orologio svizzero, la brechtiana Lalla Esposito ed il vivianeo Massimo Masiello, cantano un amore non sempre lacrimoso ma non per questo privo di intensità e sofferenza.

In scaletta brani come “Agata”, “Ciucculatina mia”, “E non sta bene” “Comme ‘o zuccaro”, “Preferisco il 900”, “Rusella ‘e maggio”, “La panzè” e “Dove sta Za Za”.