Castellammare di Stabia, picchia la ex minorenne e le incendia lo scooter: ai domiciliari 20enne

221
Caivano, rifornivano le piazze di spaccio del Casertano: 5 arresti (I NOMI)

E’ finito agli arresti domiciliari un ragazzo di 20 anni di Castellammare di Stabia, accusato di aver ripetutamente aggredito fisicamente e verbalmente la ex fidanzata per gelosia.

Per gelosia ha, ripetutamente, aggredito fisicamente e verbalmente l’ex fidanzata minorenne, picchiandola e minacciandola anche tramite social network arrivando a incendiarle lo scooter. Con l’accusa di atti persecutori e danneggiamento seguito da incendio, i carabinieri della Stazione di Sant’Antonio Abate (Napoli), hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, con applicazione del braccialetto elettronico, nei confronti di un 20enne di Castellammare di Stabia.

La misura restrittiva è stata emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della locale procura. Le indagini hanno consentito di accertare che il giovane, dal marzo 2019 al maggio 2020, ha molestato, con “condotte reiterate e per futili motivi di gelosia”, l’ex fidanzata minorenne, di Gragnano, aggredendola fisicamente e verbalmente in più occasioni, con percosse e minacce. Il 20enne aveva anche creato profili social falsi e, per interposta persona, aveva continuato a impaurirla fino ad arrivare ad incendiarle il ciclomotore, lo scorso 29 maggio, in sosta nei pressi dell’abitazione di un’amica a Sant’Antonio Abate.