Cronaca di Caserta. 12enne raccoglie petardo e perde due dita

583
Caserta news. Il bambino aveva preso il petardo in mano raccogliendolo in strada e la forte deflagrazione ha provocato il distacco di due dita.

Caserta news. Il bambino aveva preso il petardo in mano raccogliendolo in strada e la forte deflagrazione ha provocato il distacco di due dita.

Un 12enne ha perso due dita dopo aver raccolto un petardo da terra. Il minore, originario di Sparanise in provincia di Caserta, dove è accaduto ieri l’incidente, è stato dapprima assistito in ospedale nel Casertano e poi la centrale operativa lo ha trasferito al Vecchio Pellegrini dove è stato medicato e, successivamente, ricoverato all’ospedale pediatrico Santobono di Napoli. L’episodio si è verificato intorno alle 18. Il bambino, come hanno raccontato i genitori, aveva preso il petardo in mano raccogliendolo in strada e la forte deflagrazione ha provocato il distacco di due dita e la grave compromissione delle altre tre, oltre che lo sfacelo del palmo della mano.

Non è mai troppa la precauzione quando si parla di petardi e botti di Capodanno soprattutto se a maneggiarli sono bambini e ragazzi eccitati dall’idea dei botti ma ignari dei pericoli per mani e occhi. In alcuni casi le lesioni alle mani a seguito dei botti non permettono di recuperare le mani dopo il trauma a causa di ustioni, lacerazioni di tessuti, tendini e nervi, e lesioni multiple alle ossa. In questi casi, purtroppo, l’unica soluzione è l’amputazione anche se si tratta di ragazzi. Dopo Capodanno sono molti i botti inesplosi rimasti a terra. Raccoglierli per farli esplodere è molto pericoloso perché potrebbero presentare una fuoriuscita di polvere da sparo che potrebbe incendiarsi e scoppiare immediatamente tra le mani al contatto con il fuoco senza avere il tempo di lanciarli.