venerdì, Febbraio 26, 2021

Covid 19, ospedali e forniture alla Regione Campania: aperta un’inchiesta

- Advertisement -

Notizie più lette

Covid 19, ospedali e forniture alla Regione Campania: aperta un’inchiesta
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Inchiesta sulla realizzazione degli ospedali anti Covid: indagati Ciro Verdoliva (DG Asl Napoli 1), Corrado Cuccurullo (presidente Soresa) e Luca Cascone (consigliere regionale).

- Advertisement -

La Procura di Napoli ha aperto un’inchiesta per far luce sulla realizzazione degli ospedali Covid 19 in Campania. In seguito all’inchiesta della testata giornalistica “Fanpage”, la Procura vuole verificare i dettagli di appalti e forniture per realizzare strutture in grado di accogliere i pazienti affetti dal virus.

Il reato ipotizzato è quello di turbativa d’asta, per cui ci sono tre indagati: Ciro Verdoliva (Direttore Generale dell’Asl Napoli 1, al quale è stato sequestrato il cellulare), Corrado Cuccurullo (presidente di Soresa, numero uno della centrale di spesa sanitaria in Campania, cui è stato sequestrato il computer di servizio) e Luca Cascone (consigliere regionale, cui sono stati sequestrati pc e telefonino).Covid 19, ospedali e forniture alla Regione Campania: aperta un’inchiesta Come riporta “Il Mattino”, l’inchiesta è condotta dal pm Mariella Di Mauro, in forza al pool del procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio. Stando a quanto emerso, al centro di questo filone investigativo resta la procedura di gara per creare ospedali anti Covid a Napoli (ospedale del Mare), a Salerno e Caserta (due strutture mai entrate realmente in funzione): appalto aggiudicato da una ditta di Padova.

18 milioni di euro per realizzare strutture modulari, su cui oggi vertono le indagini, focalizzate sulla la tempistica (tra il 17 e il 19 marzo), ma anche sui requisiti richiesti dal bando, ritenuti troppo selettivi, quindi in grado di beneficiare una sola azienda, rendendo impossibile ogni altra forma di concorrenza.

Al centro delle verifiche anche la mancanza di ventilatori nella fornitura messa in campo dalla ditta vincitrice dell’appalto. In tal caso si ipotizza l’accusa di frode in pubbliche forniture, per capire se c’è stata un’inadempienza da parte della ditta di Padova e se la Soresa abbia messo in campo gli strumenti utili per sanzionare la ditta.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie