03-12-20 | 16:33

Coronavirus a Napoli: strutture per personale ospedaliero e vittime di violenza domestica

Home Sociale Coronavirus a Napoli: strutture per personale ospedaliero e vittime di violenza domestica
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
55f753ac4fd0bf9dc9150b50d12da632?s=120&d=mm&r=g
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

La risposta solidale del turismo a Napoli contro il Coronavirus: extra-alberghiero mette a disposizione strutture per personale ospedaliero e per donne vittime di violenza domestica.

Sono tantissime le strutture ricettive di Napoli che in queste ultime settimane e in ordine sparso si stanno mettendo a disposizione per ospitare il personale ospedaliero che sta lavorando in prima linea nei nostri ospedali, rischiando in prima persona contro il coronavirus.

L’Assessorato alla Cultura e al Turismo, oltre ad aver previsto all’interno della Delibera di Giunta n° 83 del 17-03-2030 di inserire tra i casi di esenzione il “personale medico e paramedico, non residente nel Comune di Napoli, che presta la propria attività presso le strutture sanitarie cittadine” (presentando la documentazione opportuna), sta lavorando, insieme con le associazioni di categoria (Confesercenti, Abbac, Aigo, Wonderful Italy, ABC del turismo campano, Host) a compilare una lista completa di tutte le strutture disponibili, in modo che medici ed infermieri sappiano a chi rivolgersi in caso di necessità.

Si deve constatare però una difficoltà che deriva dall’approvazione dell’ultimo DPCM, secondo il quale tra i codici ATECO che fanno riferimento alle attività che possono restare aperte, figurano le strutture alberghiere ma non l’extra-alberghiero. Questa scelta mette in difficoltà molte delle strutture che hanno dato disponibilità o che già stanno operando in questo senso e che invece da decreto dovrebbero chiudere.Coronavirus a Napoli: strutture per personale ospedaliero e vittime di violenza domestica

Si sta lavorando al fine di chiarire questa incongruenza, anche con soluzioni amministrative, con la speranza che il Decreto possa essere modificato permettendo all’extra-alberghiero di mettersi a disposizione e sedimentare questa importante rete di solidarietà e anche per mettere lo s tesso comparto in condizione di accogliere le persone che previa autorizzazione della Farnesina tornano da fuori.

Abbiamo inoltre raccolto in queste ore anche la disponibilità di alcune strutture ricettive che sarebbero disponibili, supportate da una opportuna cornice amministrativa e giuridica, ad accogliere donne e bimbi vittime di quella violenza domestica che durante questa quarantena può generare situazioni particolarmente pericolose.Coronavirus a Napoli: strutture per personale ospedaliero e vittime di violenza domestica Anche in questo senso però abbiamo bisogno di chiarezza da parte del legislatore. Nonostante tutto però voglio constatare la straordinaria risposta solidale di un comparto che sta vivendo una crisi senza precedenti e particolarmente devastante perché improvvisa e che tuttavia non ci pensa due volte a mettersi a disposizione per provare lenire le sofferenze di chi è in difficoltà.

È motivo di orgoglio e soprattutto ci spinge ad agire con ancora più determinazione per dare una mano, con gli strumenti a disposizione dell’amministrazione, a quello che è un settore fondamentale per la ripartenza della nostra città”, dichiara l’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, Eleonora de Majo.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Covid 19 a Napoli: il campo Rom di Scampia diventa zona rossa

Covid 19 a Napoli: una nuova ordinanza del governatore De Luca fa scattare la zona rossa per il campo Rom sulla Circumvallazione esterna (95...

Piazze di spaccio al Rione Traiano: sei arresti nei clan Puccinelli e Cutolo (VIDEO)

Rione Traiano: i Carabinieri hanno arrestato sei persone appartenenti ai clan Puccinelli e Cutolo. I NOMI degli arrestati. Sei arresti al rione Traiano. Nel corso...

Anm, venerdì 4 dicembre ci sarà uno sciopero di quattro ore: i dettagli

Ultime notizie ANM Azienda Napoletana Mobilità: venerdì 4 dicembre sciopero di quattro ore del trasporto pubblico locale. Ecco tutti i dettagli per funicolari, metropolitana...

Da Chiaia a Ponticelli gli zampognari suonano nelle piazze di Napoli

L’iniziativa di Premio GreenCare. Domani primo appuntamento in Villa Comunale. Prossime tappe nelle aree verdi di Chiaia, Posillipo, Barra, Fuorigrotta, Ponticelli e Rione Sanità.  NAPOLI,...

The Undoing: le anticipazioni sull’attesa serie tv con Nicole Kidman (VIDEO)

The Undoing: le anticipazioni sulla serie tv che vedrà protagonisti Nicole Kidman e Hugh Grant. Nel cast della serie (in onda su Sky Atlantic...