martedì, Aprile 20, 2021

Comune di Napoli: i buoni-viaggio all’attenzione della commissione Welfare

- Advertisement -

Notizie più lette

Comune di Napoli: i buoni-viaggio all’attenzione della commissione Welfare
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Comune di Napoli: Buoni viaggio fino a 150 euro per agevolare la mobilità delle persone disabili e agli over 65 nella fase di emergenza pandemica utilizzando taxi e auto da noleggio con conducente. 

- Advertisement -

Con la partecipazione della neo assessora al Welfare Donatella Chiodo e della responsabile dell’area Welfare Natàlia D’Esposito, la commissione Welfare, presieduta da Maria Caniglia, ha discusso della delibera di Giunta, in fase di elaborazione, per l’attuazione delle misure previste da un articolo del Decreto Ristori per agevolare la mobilità delle persone disabili nella fase di emergenza pandemica utilizzando taxi e auto da noleggio con conducente. L’allargamento della platea che potrà accedere al beneficio, tema sul quale il Comune chiederà al Ministero competente chiarimenti, e il coordinamento con altri enti coinvolti nelle problematiche socio sanitarie, a cominciare dalla Asl, sono state le due principali indicazioni della commissione per una più efficace attuazione della misura.

In attuazione delle previsioni del decreti governativi per far fronte all’emergenza pandemica, la Giunta comunale si appresta ad approvare una delibera illustrata in commissione Welfare dalla neo assessora al Welfare Donatella Chiodo e dalla responsabile dell’area Welfare comunale Natàlia D’Esposito. La misura prevista dal Governo, hanno spiegato, ha l’obiettivo di sostenere la mobilità in sicurezza nel periodo dell’emergenza sanitaria con l’erogazione di buoni viaggio che possono coprire fino al 50% della spesa sostenuta per utilizzare Taxi o auto a noleggio con conducente da parte di alcune categorie di cittadini: chi ha più di 65 anni, chi è affetto da disabilità (con decreto di invalidità o certificazione Legge 104/’92), persone che sono temporaneamente impedite nella deambulazione, donne in stato di gravidanza, persone che viaggiano con al seguito un bambino con meno di tre anni.

Il contributo previsto va dai 100 euro (per coloro che già godono di forme di sostegno pubblico al reddito) ai 150 euro. Importante sottolineare, ha spiegato l’assessora Chiodo, che si utilizzerà, per richiedere il contributo, una apposita piattaforma, molto simile a quella utilizzata per erogare i buoni spesa (con, al posto dei supermercati le cooperative di taxi) e una “app” facilmente utilizzabile dal cellulare per spendere i buoni che saranno erogati “a sportello”: questo garantisce di semplificare le procedure e, eventualmente, di riassegnare i “Pin” non utilizzati a chi richiede il buono fino all’ammontare del finanziamento. Rispetto alle categorie previste dal decreto, disabili con difficoltà di deambulazione, il Comune ha comunque ampliato la platea dei beneficiari, ha spiegato D’Esposito.

A fine riunione, l’assessora Chiodo si è detta d’accordo a formulare al ministero competente un apposito quesito sulla possibilità di ampliare ulteriormente le categorie di coloro che possono utilizzare il buono-viaggio. D’accordo anche, l’assessora Chiodo, ad attivare in collaborazione con l’assessora alla salute Menna, un tavolo di confronto con altri enti, e in particolare l’Asl, per una migliore organizzazione del servizio, come proposto dalla presidente Caniglia: si deve consentire ai cittadini di utilizzare appieno l’opportunità dei buoni-viaggio e al Comune di spendere i fondi messi a disposizione dal Governo.

La misura, ha detto il consigliere Ciro Langella (Gruppo misto di maggioranza) sarà prorogata a fine dicembre 2021 e rifinanziata: si tratta di spendere complessivamente entro la fine dell’anno 3 milioni e 200mila euro; come hanno fatto altri Comuni, in particolare Firenze, che ha esteso il beneficio, ad esempio, al personale scolastico, bisogna ampliare la platea dei beneficiari, partendo dal personale sanitario impegnato nei centri Covid; non si può rischiare, ha concluso, di sprecare un’occasione anche per venire incontro alla categoria dei tassisti, attualmente in grande difficoltà. Tutti i consiglieri si sono espressi per una verifica sulla possibilità di ampliare la platea dei beneficiari: i consiglieri Luigi Zimbaldi (Gruppo misto di maggioranza), Vincenzo Moretto (Misto Lega Napoli Salvini) e Marta Matano (Mov. 5 Stelle), pur sottolineando, gli ultimi due, la necessità di non travalicare i limiti posti dalle linee guida governative.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie