martedì, Luglio 23, 2024

Chievo-Napoli 1-3: la migliore risposta dopo Madrid

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Era attesa la risposta del Napoli dopo la sconfitta a Madrid e soprattutto dopo le accese polemiche causate dalla parole di De Laurentiis. 

di Gianmarco Giugliano – Non sapremo mai se Sarri ha schierato ben cinque novità rispetto a Madrid per seguire i suggerimenti  del presidente o per scelta tecnica ponderata. Conoscendo il mister la risposta è sicuramente la seconda e guardando l’inizio di partita e l’intero primo tempo, si è notato un Napoli concentrato e deciso a far sua la partita nel solito modo: col gioco e col fraseggio.

Le novità: Maksimovic al posto di Albiol Lavoro in difesa; Allan, Jorginho e Hamsik a centrocampo mentre in attacco c’è Pavoletti con Insigne e Callejon. Dunque un turno di riposo per il protagonista delle ultime giornata: Mertens.

koulibalyDominio del Napoli nel primo tempo: per il Chievo non c’è scampo. Pressing, passaggi veloci, uno due rapidi per saltare il solito muro eretto a difesa della porta. Gioca solo una squadra. Insigne apre le marcature con un tiro a giro, marchio di fabbrica, sul palo più lontano mentre Hamsik consolida il dominio insaccando il gol del raddoppio. Chievo non pervenuto nei primi 45 minuti. Bene la regia di Jorginho, ottima l’interdizione di Allan e buona prova di Maksimovic. Si tutti sicuramente Insigne, ispirato e preciso: l’arma in più in queste ultime partite. Ancora da rivedere Pavoletti: fuori dal gioco ed in difficoltà nella tecnica rapida che vuole Sarri. Purtroppo per lui sono poche le occasioni per allenarsi su schemi che facilitino le doti aeree e di potenza dell’ariete ed genoani.

Volutamente ho dato un giudizio sui giocatori alla fine del primo tempo: nella ripresa il Napoli entra in campo distratto e forse appagato dal punteggio. Il Chievo prende campo e possesso del centrocampo rinforzando anche la fase offensiva con Meggiorini. Nonostante un Chievo più in partita, è il Napoli a segnare il terzo gol con Zielinsky subentrano a Allan infortunato. È questa la nota stonata del pomeriggio: probabilmente un infortunio muscolare che terrà il forte centrocampista lontano dai campi per almeno due settimane.

Il Chievo accorcia le distanze con Meggiorini favorito da un goffo errore di Koulibaly ancora lontano dalla migliore condizione da quando è tornato dalla coppa d’Africa. La partita si chiude con un gol annullato ingiustamente a Giaccherini  con altri 20 minuti concessi da Sarri a Milik subito dentro gli schemi e capace di far sentire il peso fisico e tecnico alla squadra.

Insomma una risposta forte e decisa alla sconfitta di Madrid ed anche alle polemiche iniziate immediatamente dopo le affermazioni di De Laurentiis dopo la gara del Bernabeu: la squadra, i tifosi, i risultati ed il gioco sono dalla parte di Sarri  Non c’è altro da commentare. Ora per il Napoli una settimana di lavoro tranquillo prima della partita con l’Atalanta e del trittico di partite che segneranno probabilmente l’intera stagione.

Il silenzio stampa deciso dalla società, infine, non ci permette di registrare le opinioni di Sarri ma soprattutto inasprisce ancora di più il rapporto tra il presidente ed i tifosi. Emblematico a questo proposito lo striscione esposto al Bentegodi alla fine del primo tempo. Non è di questo che ha bisogno il Napoli ma di unità e programmazione nei settori strategici come stadio, merchandising e giovanili, in cui la società appare ancora anni luce rispetto alle grandi d’Europa nonostante una classifica nel ranking europeo che nobilita l’intero popolo partenopeo.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie