martedì, Settembre 28, 2021

Caserta, truffa all’Inps con centinaia di finte assunzioni: 7 arresti

- Advertisement -

Notizie più lette

Caserta, truffa all'Inps con centinaia di finte assunzioni: 7 arresti
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

L’associazione a delinquere con base nella zona di Caserta (San Cipriano d’Aversa), percepiva illegalmente indennita’ da parte dellʼInps per svariati milioni di euro.

Finanzieri di Aversa hanno eseguito questa mattina, su delega della Procura di Napoli Nord, 7 arresti (5 in carcere e 2 ai domiciliari), emessi dal gip del tribunale di Napoli Nord, nei confronti di 2 consulenti del lavoro (Angelo Caterino, 63 anni, e del figlio 34enne Emilio) di San Cipriano d’Aversa e imprenditori del settore edile dell’agro aversano, accusati di aver costituito un’associazione a delinquere che, attraverso la fittizia assunzione di centinaia di lavoratori, hanno percepito illegalmente indennità da parte dell’Inps per circa 13 milioni di euro.

L’operazione è stata coordinata dalla Procura di Napoli Nord, diretta da Francesco Greco, e delegata ai finanzieri del comando provinciale di Caserta e del Gruppo di Aversa, agli ordini rispettivamente del colonnello Andrea Mercatili e del tenente colonnello Michele Doronzo. E ha portato al sequestro di beni immobili, rapporti finanziari e partecipazioni societarie. I soggetti utilizzavano fatture per operazioni inesistenti nel settore edile, finalizzate, oltre ad ottenere i conseguenti sgravi tributari, anche e soprattutto a conseguire la percezione di indebite contribuzioni da parte degli enti previdenziali e assistenziali.

Caserta, truffa all'Inps con centinaia di finte assunzioni: 7 arrestiE’ anche emerso dalle indagini come un imprenditore sia riuscito ad ottenere il rimborso di 211mila euro per un infortunio occorso a un suo lavoratore in nero. Retrodatando al giorno precedente a quello dell’incidente l’assunzione dello stesso nelle banche dati dell’Inail. In manette anche i rappresentanti legali di un’altra societa’, capaci di generare un volume d’affari inesistente con cui venivano costruiti 108 rapporti di lavoro ritenuti fittizi. E che hanno portato alla percezione di indennita’ assistenziali di disoccupazione per oltre 800mila euro.

Nel rapporto del Gip si legge di “panorama desolante di sotterfugi, menzogne, approntamento di documenti contraffatti, che ha prodotto un danno patrimoniale enorme alla già esigue risorse statali in danno dei cittadini onesti da parte di cinici e disinvolti approfittatori”.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie