Capodanno a Napoli. Dispositivi traffico e anti-attentato. Ecco tutte le info

880

Per Capodanno, sono stati installati dispositivi anti-attentato sul lungomare di Napoli. Il traffico sarà deviato sulla Riviera di Chiaia percorribile a doppio senso, chiusa Via Caracciolo.

L’appello alla cittadinanza è quello di evitare, in questo complicato intreccio di divieti, di utilizzare l’auto privata. La metropolitana linea 1, la funicolari Centrale e di Chiaia e i parcheggi di interscambio resteranno aperti tutta la notte. Il servizio del primo giorno dell’anno della metropolitana verrà sospeso dopo le ultime corse in partenza da Piscinola alle ore 12.30 e da Garibaldi alle ore 13.00. Le funicolari Centrale e di Chiaia resteranno aperte fino alle ore 13 del primo gennaio.

Una misura decisa nel corso dei lavori del comitato per l’ordine e la sicurezza della Prefettura di due giorni fa, che rientra nel pacchetto delle strategie antiterrorismo adottate in città. La chiusura di una serie di strade al traffico veicolare è il dispositivo intorno al quale ruotano tutti gli altri. Come spiega il Prefetto, Maria Gerarda Pantalone, “non ci sono specifici alert per la realtà napoletana, tuttavia la generale situazione richiede la massima consapevolezza e attenzione”. Dunque, da qualche settimana sono state predisposte misure di prevenzione e vigilanza degli obiettivi sensibili e intensificati i controlli all’aeroporto di Capodichino, al Porto, alla Stazione Centrale.

lungomare di napoliFino all’8 gennaio scatterà inoltre il divieto di accesso ai mezzi pesanti nella Ztl urbana. Le uniche eccezioni riguardano i mezzi di soccorso, quelli che trasportano medicinali, generi alimentari deperibili o valori. L’amministrazione comunale ha lavorato ieri ad una ordinanza specifica, su richiesta del Prefetto, che prevede l’individuazione di una serie di varchi oltre i quali i tir non potranno andare.

In Prefettura è stato deciso anche che ci sarà un presidio straordinario — con il supporto delle unità antiterrorismo di polizia e carabinieri — nella zona dei Grandi Alberghi, del Lungomare, di Nalbero, di piazza del Plebiscito e di tutti i luoghi dove è prevista una massiccia presenza di persone e dove si svolgeranno gli eventi di fine anno.

Intorno a questa area è stato disegnato, con una ordinanza, un perimetro blindato da dissuasori. Sono stati posizionati ieri in via Cesario Console e sul Lungomare e a questi si aggiungeranno altre fioriere ai Cavalli di Bronzo e a Monte di Dio. Il 31 dicembre, al mattino, i new jersey andranno a chiuderanno completamente la «zona rossa». Fuori le auto in sosta, fuori i parcheggi dei taxi, fuori tutti. Centro blindato anche con una massiccia presenza delle forze dell’ordine ai varchi che effettueranno controlli a campione anche sui pedoni.

Il dispositivo di traffico ricalca a grandi linee quello dello scorso anno, ma con una sostanziale novità che riguarda la chiusura di tutto l’asse costiero, da piazza della Repubblica a via Acton fin dalla mattina del 31. Il piano prevede il divieto di transito veicolare nelle carreggiate di piazza del Plebiscito antistanti la Prefettura e il Comiliter; il divieto di transito veicolare in via Vittorio Emanuele III e via San Carlo. In via Solitaria, piazzetta Salazar, Rampe Paggeria probabilmente si deciderà di bloccare del tutto la circolazione. Divieto di transito in via Cesario Console e in un tratto di via Santa Lucia. Divieto anche su via Gennaro Serra, piazza Carolina, via Monte di Dio e via Chiaia. Divieti anche in via Acton e in tutte le strade a ridosso del Lungomare, compreso il tratto di via Caracciolo generalmente aperto alle automobili. Proprio per questo motivo è stato deciso di istituire il doppio senso di circolazione sulla Riviera di Chiaia che resterà l’unica strada aperta alle auto.