lunedì, Ottobre 3, 2022

Campi Flegrei, il bradisismo rallenta: la conferma dell’Osservatorio Vesuviano

- Advertisement -

Notizie più lette

Francesco Monaco
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

L’ultimo bollettino dell’Osservatorio Vesuviano testimonia come nell’area dei Campi Flegrei il suolo si stia sollevando di quasi 10 millimetri in meno al mese rispetto ai valori precedenti.

Durante il mese di luglio 2022 nell’area dei Campi Flegrei sono stati registrati 146 terremoti con una Magnitudo massima=2.5±0.3. Di questi, 124 eventi (circa l’85% del totale) hanno avuto una magnitudo minore di 1.0, 3 eventi (circa il 2%) hanno avuto una magnitudo compresa tra 1.0 e 1.9, 1 evento (meno dell’1%) ha avuto una magnitudo maggiore o uguale a 2.0. Di 18 eventi (circa il 12%) non è stato possibile determinare la magnitudo a causa della bassa ampiezza del segnale non chiaramente distinguibile dal rumore di fondo. In totale sono stati localizzati 94 eventi (64% di quelli registrati) ubicati prevalentemente tra Pozzuoli, l’area Solfatara-Pisciarelli e il bordo sud-occidentale degli Astroni con profondità concentrate nei primi 2 km e una profondità massima di circa 2.5 km.

Le reti di monitoraggio delle deformazioni del suolo confermano una geometria radiale del sollevamento centrato nell’area di Pozzuoli con una velocità media, dalla metà di giugno 2022, di circa 5±2 mm/mese, in diminuzione rispetto ai valori di 13±2 mm/mese registrati nell’intervallo dicembre 2021 – maggio 2022. Il sollevamento registrato alla stazione GPS di Rione Terra (RITE) a partire da novembre 2005 è di circa 98 cm di cui circa 64.5 cm da gennaio 2016. Le misure termografiche nelle aree monitorate mostrano andamenti della temperatura sostanzialmente stabili o in leggera diminuzione. I parametri geochimici confermano i trend pluriennali di riscaldamento e pressurizzazione del sistema idrotermale. Il flusso di CO2 dal suolo, nell’area della Solfatara si conferma essere di circa 3000t/d, valori comparabili a quelli che si ritrovano nel plume di vulcani attivi a degassamento persistente.

Tutto ciò, riportato dall’Osservatorio Vesuviano, dimostra che il valore medio della velocità di sollevamento nell’area di massima deformazione dalla metà di giugno 2022 per il fenomeno del bradisismo è di circa 5 millimetri al mese. In netta diminuzione dopo i 13 millimetri al mese cui eravamo abituati da dicembre scorso. Di conseguenza, il suolo dei Campi Flegrei sta rallentando la sua corsa iniziata nel 2005.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie