27-09-20 | 18:49

Camorra, gestiva il pizzo sulle pizze di spaccio degli scissionisti: arrestato “Bisio”

Cronaca di Napoli Camorra, gestiva il pizzo sulle pizze di spaccio degli scissionisti: arrestato "Bisio"
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus, Santobono: Morta bambina di 8 anni affetta da leucemia

Ospedale Santobono: I medici sono in attesa di fare il tampone per verificare il sospetto contagio da coronavirus per ora non confermato. I familiari...
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista pubblicista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

Il 28enne è ritenuto affiliato alla cosca scissionista del clan di camorra dei Di Lauro da tempo egemone in alcuni comuni dell’area Nord del capoluogo campano.

Camorra | I carabinieri, nel Napoletano, hanno arrestato un ‘economo’ del clan Amato-Pagano. I militari dell’Arma hanno dato esecuzione a una misura di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale del Riesame di Napoli, dopo l’appello proposto dai pm Vincenza Marra e Maurizio De Marco, nei confronti di Claudio Cristiano, detto Bisio, 28enne di Melito, gia’ detenuto nel carcere di Napoli-Poggioreale, indagato per associazione per delinquere di stampo mafioso e ritenuto affiliato alla cosca scissionista dei Di Lauro e da tempo egemone in alcuni comuni dell’area Nord del capoluogo campano.

Le indagini

Le indagini hanno mostrato che Cristiano gestiva e riscuoteva il ‘pizzo’ nelle piazze di spaccio dei complessi di edilizia popolare di Melito e Mugnano, nelle quali e’ possibile reperire ogni tipo di sostanza stupefacente a tutte le ore del giorno e della notte, e curava anche la contabilita’ del clan, occupandosi del sostegno economico degli affiliati attraverso il pagamento delle ‘mesate’.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Coronavirus in Campania al 26 settembre: 245 nuovi positivi, 136 guariti, zero decessi

Coronavirus in Campania: il bollettino di ieri 26 settembre dell’unità di Crisi regionale riporta 245 nuovi positivi su 5.539 tamponi effettuati. Sono 245 le persone...

Emergenza chiusura Galleria Vittoria: Riapre il lungomare. Come cambia la viabilità

L'emergenza causata dalla chiusura della Galleria Vittoria ha fatto scattare un nuovo dispositivo di traffico per alleviare il traffico. Ecco come cambia la viabilità. Questa...

Coronavirus, ci si può riammalare? La risposta di uno studio

L'Ecdc ha recentemente pubblicato un documento sulle reinfezioni da Coronavirus, nel quale passa in rassegna la casistica disponibile in letteratura scientifica. A distanza di alcuni...

Nuovo codice della strada: in arrivo maxi-multe

La riforma in approvazione del Parlamento introduce sanzioni più severe per gli automobilisti. Maxi multe all'orizzonte per gli automobilisti indisciplinati. Con le modifiche al Codice...

Meteo Campania: lunedì ancora piogge, ma poi cambia tutto

La prossima settimana sarà caratterizzata anche al Sud da un sorprendente ritorno del bel tempo. Si sta aprendo una fase di maltempo pienamente autunnale sull'Italia...