23-10-20 | 12:58

Calcio Napoli: Se il San Paolo diventa un deserto

Home Sport Calcio Napoli: Se il San Paolo diventa un deserto
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
784f600db01bb8bfa51ce5e9cf455fc8?s=120&d=mm&r=g
Gianmarco Giuglianohttps://www.2anews.it
Gianmarco Giugliano, cura la pagina dello sport calcio di 2ANews, laureato in Giurisprudenza, scrittore.

Calcio Napoli, clamoroso flop nelle vendita di biglietti per la partita di sabato a Fuorigrotta contro la Fiorentina: venduti appena diecimila biglietti.

A pochi giorni dall’incontro valido per la quarta giornata di campionato del Calcio Napoli, la vendita dei biglietti per la partita non solo non è decollata ma addirittura rischia un flop clamoroso. Sono appena diecimila i tagliandi staccati e, considerando che non ci sono abbonati, c’è il forte rischio che gli azzurri, sabato, giocheranno in un impianto deserto.

Molti i motivi di questo risultato

Prima di tutto il “caro biglietto”: la società ha proposto prezzi altissimi come se la partita con la Fiorentina fosse una partita di cartello. 35 euro per una curva sembrano davvero tanti considerando che la partita, quasi sempre, viene vista in piedi, senza servizi igienici adeguati o addirittura inesistenti per donne e bambini. Quello che dovrebbe essere il settore popolare è diventato improvvisamente un settore di lusso (appena dieci euro in meno dei distinti).

Le parole, spesso avvelenate tra i tifosi della Curva ed il Presidente e tra il Comune ed il Presidente, certamente non hanno facilitato le decisioni.

Fatto sta che la squadra sarà sola e sappiamo bene quanto può essere importante l’apporto del San Paolo in determinate situazioni (quest’anno, nell’unica partita giocata contro il Milan, è sembrato a tutti che la rimonta non l’avesse fatta solo il Napoli ma anche la gente sugli spalti).

Disaffezione verso la squadra? Sarebbe difficile da capire: in campo vanno i ragazzi (gli stessi dello scorso anno) e non certo la società.

Difficile da comprendere anche la filosofia societaria che, ben consapevole del fatto che alla voce “ricavi” da quest’anno c’è anche una percentuale riguardante i tifosi da stadio, ha comunicato la possibilità del biglietto ridotto a € 2,50 in tutti i settori. Iniziativa inutile, a quanto pare.

Qualche anno fa si sarebbero fatte file lunghissime ai botteghini per prendersi la rivincita contro chi aveva distrutto il sogno scudetto mentre ora si preferisce fare il tifo sui social, gridare qualche post offensivo ed inutile piuttosto che fare gruppo, cantare tutti insieme ed essere vicini alla squadra.

A chi toccherà riportare i tifosi allo stadio? Non certo alla Lega calcio che continua nelle sue assurde politiche lasciando l’Italia nazionale fuori dai Mondiali e senza futuro, mentre le squadre di club sono semplici comparse in un campionato che vede una solo squadra al comando.

La colpa è di tutti: del presidente incapace di capire il dono del “silenzio” in alcune occasioni; dei tifosi che, come risultato, ottengono solo che la squadra resti sola ed il mondo del calcio italiano che preferisce far morire una delle industrie più importanti del nostro Paese.

Se così vi sta bene…

- Advertisement -

Ultime Notizie

Avella, impennata di contagi Covid: disposto il lockdown fino al 2 novembre

Ad Avella, in provincia di Avellino, il sindaco Domenico Biancardi ha emesso una ordinanza che dispone il lockdown da oggi e sino al 2...

Blocco mobilità interprovinciale in Campania, il chiarimento: ecco a chi non si applica

La Regione ha precisato alcuni punti in merito all'ordinanza che impone il blocco della mobilità interprovinciale in Campania. Il divieto di mobilità interprovinciale in Campania,...

Beautiful, anticipazioni 26 ottobre-1° novembre: Thomas è in coma

Anticipazioni Beautiful da lunedì 26 ottobre a domenica 1° novembre: Thomas Forrester è in coma dopo essere caduto da una scogliera. Ridge è furioso...

Zona rossa ad Arzano: in campo circa 300 militari

L'Esercito è stato chiamato a presidiare con le Forze di Polizia la quasi totalità dei 22 varchi di accesso alla città di Arzano, dichiarata...

Covid 19 in Irpinia, 47 positivi e due morti: contagiato anche il sindaco di Monteforte

Covid 19 in Irpinia: tra i positivi al virus c’è anche Costantino Giordano (primo cittadino di Monteforte Irpino). L’ultimo bollettino sui contagi da Covid...