martedì, Giugno 15, 2021

Calcio Napoli, ADL: “Sarri mi ha ferito, ma non sono vendicativo”

- Advertisement -

Notizie più lette

Calcio Napoli, ADL: "Sarri mi ha ferito, ma non sono vendicativo"
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

Il presidente del Calcio Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha parlato in esclusiva ai microfoni del ‘Corriere dello Sport’. Tra gli argomenti trattati anche l’addio con l’ex tecnico.

«Non farmi fare la figura dell’arrogante, del riottoso, e non farmi litigare con Sarri», me lo ripete almeno tre volte ma con un tono godibilmente lieve.

Posso almeno provarci?
«A farmi litigare?». De Laurentiis sorride a un ottimo momento personale, al consenso ritrovato e ai «38 milioni di tifosi nel mondo che diventano centoventi se si aggiungono quelli per i quali il Napoli rappresenta la seconda squadra. Mi sa che nel frattempo siano anche aumentati. Due anni fa commissionammo una ricerca alla Nielsen e questi furono i risultati». Niente vino, solo acqua gassata all’ora di pranzo, De Laurentiis non ha dubbi sulla freschezza del pesce che ci servono, né sull’insalata di ovuli romeni tagliati fini. Una prima breve pausa preceduta da una serie di episodi che riguardano la sua vita, gli inizi, suo padre Luigi, lo zio Dino, le loro stregonerie professionali; padre e zio dei quali ogni volta imita la voce. Riprende a parlare quasi rispettando i miei tempi di raccolta degli appunti: «Ci sono tifosi che hanno la capacità di vedere ciò che c’è e altri che decidono di vedere solo ciò che vogliono, il calcio, poi, è il paradiso dei luoghi comuni. C’è il tifoso che frequenta lo stadio reale e quello che si accontenta dello stadio virtuale, i media, le tv, le radio, il web».

Sia il primo, sia il secondo inseguono la verità definitiva su lei e Sarri.
«Non è vero che non ci prendevamo, io sono sempre stato molto educato con lui, l’ho sempre supportato. Ma a un certo punto se tu hai un contratto con me per altri due anni e cominci a seminare pubblicamente dei dubbi, dubbi del tipo “non so se rimango”, “non so se la società ce la farà a trattenere i migliori”, “nella vita meglio finire quando le storie sono belle”, invii dei chiari segnali di insofferenza e sfiducia, disattendi i tuoi obblighi contrattuali e mi procuri dei possibili danni».

Di che genere?
«Non ragioni più da società, pensi solo alla tua immagine».

Fonte: Corriere dello Sport

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie