01-12-20 | 12:15

Caivano: tra stigma e pregiudizio

Home Attualità Caivano: tra stigma e pregiudizio
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
5a9fa1d6595dda5678b20c716ed74260?s=120&d=mm&r=g
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

di Alfredo Grado – criminologo – Basterebbe soffermarsi sulla campagna elettorale in atto per capire l’importanza che riveste la cultura per i nostri amministratori. Basterebbe ascoltare le proposte ed i progetti di ciascuno per comprendere quanto stia a cuore l’erudizione, l’istruzione ed il benessere. Basterebbe partire da qui per tentare di capire come va il mondo, quali sono i suoi problemi e che cosa si dovrebbe fare a tal riguardo. E invece no!

Costantemente, ci mettiamo alla ricerca di una causa, personologica, sociale o relazionjale, al solo fine di dare un senso alle nefandezze umane o alle nostre paure. Turpitudini che sempre più spesso vengono analizzate e scomposte da quelle masse di internauti che assorbono il sociale, il politico, la cultura, generandone cosi il nulla. Ed in questo terreno, ove tutto si neutralizza, non è difficile imbattersi in rappresentazioni collocabili tra il sacro ed il profano. Come la storia di Maria Paola Gaglione, la 18enne morta per una caduta dal motorino mentre lo scooter su cui viaggiava col fidanzato Ciro Migliore veniva inseguito dal fratello di lei, Michele Antonio, accusato di omicidio preterintenzionale.

Sono diverse le motivazioni che secondo le masse avrebbero spinto Michele Antonio ad un gesto estremo. Gli orientamenti sessuali di Ciro, la salute mentale, la vendetta o altro ancora. Sta di fatto che di fronte a certi comportamenti non si può fingere di non vedere o non sentire ciò che invece è evidente. Il sessismo, perché è di questo che stiamo parlando, è un fenomeno a partire dal quale i rapporti sociali tra i sessi e la stessa sessualità vengono organizzati in base al principio tale per cui esisterebbe un ordine naturale dei sessi che porta a discriminare un sesso rispetto all’altro.

L’ordine sessuale costituito dal sessismo si riflette da un lato nella costruzione dicotomica dei ruoli di genere, dall’altro sancisce una determinata gerarchizzazione della sessualità che del pregiudizio omofobico ne è il fondamento. E arriviamo al punto.

L’omofobia è un costrutto complesso che designa due aspetti differenti di una stessa realtà: una dimensione personale di natura affettiva, che si manifesta attraverso il rifiuto degli omosessuali, e una dimensione culturale di natura cognitiva, riconducibile all’ambito della discriminazione e del pregiudizio al pari della xenofobia e dell’antisemitismo. Come dire, non è l’omosessuale in quanto individuo ad essere preso di mira dal rifiuto ma l’omosessualità come fenomeno psicologico e sociale. Non è un caso se i reati basati sull’omofobia vengono classificati come crimini d’odio poichè, come quelli razziali, sono fondati sull’intolleranza nei confronti della diversità.

Resta il fatto che nel nostro paese sembra esserci ancora una netta discrepanza fra i dati ufficiali e la manifestazione di tali reati nella quotidianità. In altre parole, le informazioni di cui si è a conoscenza sono parziali rispetto alla radice del problema e alle sue conseguenze. L’omofobia è espressione di un modello eterosessista che non solo regola i comportamenti e gli standard sociali, ma che condiziona altresì il comportamento psicosociale dell’individuo. In tal senso, preoccupa molto che in Italia gli atti di ostilità e violenza, o i reati, non vengano denunciati per timore o per effetto della stigmatizzazione della famiglia, della comunità o della società.

In conclusione, lo scenario che si configura non è incoraggiante e spinge a riflettere sulla necessità di cominciare a comprendere meglio un fenomeno che miete molte vittime. Solo attraverso un’ adeguata comprensione degli elementi che intervengono nel predisporre l’individuo a crimini d’odio di natura omofobica, si possono discernere quelle variabili su cui è possibile un intervento.

Caivano: tra stigma e pregiudizio
I gradi di espressione della violenza omofobica

- Advertisement -

Ultime Notizie

Castellammare di Stabia, 10mila euro per evitare il sequestro di una villa abusiva: 3 arresti

C'è anche un dipendente dell'ufficio tecnico di Castellammare di Stabia tra le persone finite in manette con l'accusa di induzione indebita a dare o...

Fortnite 5: dalla data ai pass battaglia, ecco le principali novità

Fortnite: ecco le principali novità della imminente quinta stagione per gli appassionati del celebre videogioco. Gli appassionati di Fortnite, celebre battle royale della Epic Games,...

Luca Quarto, salvato da Maradona con la partita ad Acerra: “Gli sarò grato per sempre”

A più di 30 anni dalla famosa partita di beneficenza ad Acerra, Luca Quarto ringrazia Maradona per avergli consentito di essere sottoposto ad una...

Le mani della camorra su Roma, smantellato il cartello della droga del boss Michele Senese

Dalla guerra contro Raffaele Cutolo negli anni '80 con la "Nuova Famiglia" ai rapporti con la Banda della Magliana: tra i 28 arrestati nel...

Covid 19 in Campania: studenti universitari creano sito per tracciare le bombole di ossigeno

Covid 19: tre studenti di Ingegneria Informatica della “Federico II” hanno creato il sito Emergenzao2campania.it per il tracciamento e la redistribuzione delle bombole di...