Universiade: La torcia arriva ad Assisi. Il programma della cerimonia d’apertura

248
Dall'Irpinia al Sannio, oggi la torcia dell'Universiade arriva a Benevento

Oggi, martedì 11 giugno, alle ore 15.00 la fiaccola partirà dalla Basilica di San Francesco per arrivare in Piazza del Comune dove si terrà un momento istituzionale. 

Dopo le tappe di Torino, Losanna e Milano, riprende da Assisi il percorso della Torcia della 30^ Summer Universiade Napoli 2019. Domani, martedì 11 giugno, alle ore 15.00 la fiaccola partirà dalla Basilica di San Francesco per arrivare in Piazza del Comune dove si terrà un momento istituzionale.

Tre i tedofori sportivi: Bruno Mascaregnas, argento olimpico e campione del mondo di Canottaggio, Roberto Cammarelle, campione olimpico di Pugilato, Costanza Laliscia, campionessa europea di Equitazione. Gli atleti si alterneranno su un percorso di 800 metri della durata di 12 minuti, percorrendo 200 metri ciascuno. La Torcia farà tappa al Santo Sepolcro, sottolineando l’importanza della città come polo interreligioso e simbolo di pace conosciuto in tutto il mondo.

Universiade: La torcia arriva ad Assisi. Il programma della cerimonia d'apertura

I saluti istituzionali saranno tenuti dal Sindaco di Assisi Stefania Proietti, dall’Assessore allo Sport Veronica Cavallucci, dal Direttore della sala Stampa della Basilica di San Francesco Padre Enzo Fortunato e dal Dirigente dell’Area Sport e Operazioni dell’Agenzia Regionale Universiadi Roberto Outeirino Uceda.

“Stiamo entrando nel vivo di questa avventura iniziata per noi tre anni fa – dice De Luca – L’Universiade rappresenta un’occasione imperdibile per rilanciare nel mondo l’immagine di Napoli, della Campania e dell’Italia tutta”.

Il presidente ricorda che portare questo grande evento sportivo in Campania “ha richiesto un impegno finanziario ed organizzativo straordinario”. Ma “abbiamo fatto questa scelta perché abbiamo intravisto le ricadute positive che Milano ha avuto nel mondo con l’Expo. Noi abbiamo la stessa ambizione con l’obiettivo di far crescere l’economia dell’accoglienza e aumentare il flusso turistico nella nostra regione”.

Universiade: La torcia arriva ad Assisi. Il programma della cerimonia d'apertura

Anticipazioni sulla cerimonia d’apertura

Alla cerimonia d’apertura tra l’altro ci sarà anche il presidente Mattarella. “Lo ringrazio – dice il Governatore – La sua presenza  dà valore e autorevolezza all’evento e ci permetterà di ospitare al massimo livello le delegazioni dei quasi 130 Paesi. Avremo ministri, qualche capo di Stato, qualche capo di governo. Mi auguro che sapremo essere all’altezza di un evento che ci ha impegnato sul piano finanziario e organizzativo in modo straordinario”.

L’appuntamento per la cerimonia d’apertura è fissato per il prossimo 3 luglio alle 21 allo Stadio San Paolo. La cerimonia, ideata e prodotta da Balich Worldwide Shows, vedrà 1500 performer e grandi talenti in scena per celebrare gli atleti universitari provenienti da 127 paesi del mondo.

Direttore Creativo è Marco Balich già noto per i successi di oltre 20 Cerimonie Olimpiche, da Torino 2006 a Rio 2016 e per l’Albero della Vita di Expo Milano 2015.

Lida Castelli curerà la Regia e la Direzione Artistica della Cerimonia il cui concept è stato individuato nella “U” del logo dell’Universiade che rappresenta un grande abbraccio con due enormi braccia protese verso gli oltre 8000 atleti che invaderanno la città di Napoli e la Campania.

Universiade: La torcia arriva ad Assisi. Il programma della cerimonia d'apertura

Il segmento d’apertura vedrà protagonista Mariafelicia Carraturo, apneista profondista napoletana titolare del record del mondo di specialità, che interpreterà l’incantevole Sirena “Partenope”, mascotte dei Giochi, che porterà il mare ad invadere il terreno di gioco dello stadio San Paolo; effetti speciali che lasceranno senza fiato.

Subito dopo il palco si trasformerà in una cartolina ipertecnologica, con un Vesuvio tridimensionale, per i segmenti di tributo agli atleti di tutto il mondo. Poi spazio a due donne piene di carisma, forza e coraggio: Malika Ayane, tra le cantautrici più eclettiche e apprezzate del panorama musicale italiano e Bebe Vio, studentessa universitaria, campionessa paralimpica, uno dei simboli sportivi più amati del nostro Paese.

Spazio anche alle eccellenze culturali. Il famoso affresco del Tuffatore di Paestum, rappresenterà, in una scena, l’unione tra passato e presente, tra sport e cultura.

Quindi la musica di Anastasio, 21enne studente e rapper napoletano che farà da amplificatore alla voce delle nuove generazioni accendendo il “fuoco della conoscenza”, tutto questo mentre centinaia di judoka, provenienti anche della palestra di Gianni Maddaloni di Scampia, si esibiranno creando, una dopo l’altra, scene raffiguranti le diciotto discipline sportive in gara.

Resi noti anche alcuni particolari della cerimonia di chiusura che sarà affidata al brio e alla creatività dei napoletani The Jackal.