Una settimana alle Universiadi 2019: a Napoli 500 militari dal Vimimale

243
Una settimana alle Universiadi 2019: a Napoli 500 militari dal Vimimale

Universiadi 2019: il piano traffico partirà domani, mentre la sicurezza sarà supportata anche da 500 militari dell’Esercito.

Manca esattamente una settimana alla cerimonia di apertura delle Universiadi a Napoli, che si terrà allo stadio San Paolo nella serata di mercoledì 3 luglio (alla presenza tra gli altri del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e del premier Giuseppe Conte).

In occasione della 30ma edizione dei Giochi universitari, il Comune di Napoli ha organizzato uno specifico piano traffico, che partirà dalla giornata di domani, giovedì 27 giugno. Un piano concepito in modo da garantire una serena mobilità per delegazioni e atleti, con anche percorsi protetti per i bus diretti agli impianti d’allenamento e di gara.

Previsto inoltre un sistema di rafforzamento del trasporto pubblico, soprattutto per le linee che incidono sull’area degli eventi, oltre che un sistema di parcheggi nella zona di Fuorigrotta, con servizio di navetta per i soggetti diversamente abili tra i suddetti parcheggi e le aree degli aventi.Una settimana alle Universiadi 2019: a Napoli 500 militari dal Vimimale È però chiaro che le procedure entreranno davvero nel vivo solo quando le due navi ormeggiate nel Porto inizieranno ad essere affollate da delegati e atleti, che saranno circa 4mila da tutto il mondo.

Sul fronte sicurezza, come riportato da “Il Mattino”, c’è inoltre da sottolineare che per le Universiadi 2019, in base a indiscrezioni provenienti dal Viminale, arriveranno a Napoli 500 militari dell’Esercito per rafforzare l’operazione Strade Sicure. L’annuncio ufficiale è atteso per la giornata di oggi, dopo la riunione del Comitato sulla sicurezza pubblica al Viminale, presieduto dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini.Una settimana alle Universiadi 2019: a Napoli 500 militari dal Vimimale I militari dovrebbero dunque affiancarsi ad oltre 400 agenti di polizia locale, senza dimenticare i 2mila volontari della Protezione Civile e altri 6mila volontari. Tutti impegnati in una manifestazione sempre più vicina, che metterà per 10 giorni la città di Napoli e la Campania al centro dello sport mondiale.