Comune di Napoli, traffico in tilt per le festività natalizie

983
Comune di Napoli, traffico in tilt per le festività natalizie

Comune di Napoli: la città soffre forse più degli altri anni il traffico natalizio a causa dei problemi del trasporto pubblico e dei numerosi cantieri.

di Luigi Maria Mormone – In questi giorni che precedono le festività natalizie, il traffico impazza nel Comune di Napoli. Gli ingorghi sono dovuti soprattutto “alla corsa” ai regali per il Natale e tale situazione va avanti da sempre, come da copione. Tuttavia quest’anno, se possibile, il caos è anche maggiore rispetto al passato. Ciò è dovuto in gran parte alla crisi che sta colpendo ormai da tanto tempo ANM. Le difficoltà colpiscono sia il trasporto pubblico su ferro che quello su gomma, entrambi contraddistinti da tempi d’attesa davvero troppo lunghi per la terza città italiana, tornata a rifiorire di turisti negli ultimi anni (e che in questi weekend sta vedendo afflussi da record, specialmente nel Centro Storico).ANM, dal 2018 aumenta il costo dei biglietti Come riportato da “Il Mattino”, i tempi d’attesa della Metropolitana partenopea sono sproporzionati rispetto alle altre metropoli del Paese: a Roma l’attesa media nelle ore di punta è al massimo di tre minuti, a Milano di circa due minuti. L’azienda napoletana di trasporto pubblico sostiene che nei momenti di maggior afflusso, un treno passa ogni otto minuti. Tuttavia, spesso e volentieri si arriva ad aspettare anche 20-25 minuti, con i vagoni dei convogli che di conseguenza giungono pieni in ogni loro spazio. Riguardo i bus, i mezzi sono pochi, vecchi e spesso fermi in officina ma comunque utilizzati sulle strade della città, con le attese anche in questo caso lunghissime (e ancor più accentuate quando piove). Altra causa del traffico è rappresentata dai cantieri. Attualmente (secondo la pagina ufficiale del Comune di Napoli) ci sono almeno trenta provvedimenti che riguardano limitazioni alla circolazione automobilistica legati a lavori in corso. I cantieri “più famosi” sono quelli di Via Marina (da anni in attesa di essere completato) e della Galleria Laziale (cui si lavora però solo di notte). Insomma, occorre munirsi di pazienza ancora maggiore rispetto alle feste di Natale degli altri anni.