Iscrizioni per l’anno scolastico 2019-20: lieve aumento per il liceo classico

283
Iscrizioni per l’anno scolastico 2019-20: lieve aumento per il liceo classico

Miur: si sono chiuse ieri le procedure per le iscrizioni on line in vista del prossimo anno scolastico.

Nella giornata di ieri, giovedì 31 gennaio 2019, si sono concluse le procedure on line delle iscrizioni per il prossimo anno scolastico. Come riporta “Il Mattino”, i primissimi dati disponibili confermano come più di uno studente su due scelga il liceo: è infatti pari al 55,4% la percentuale di ragazzi studenti che ha optato per un indirizzo liceale. Il Lazio si conferma la regione con la maggiore percentuale di iscritti (68,6%), ma la Campania non è da meno: ben il 59,1% degli studenti ha optato per seguire i percorsi di studio liceali.

Da sottolineare il lieve aumento della scelta sul liceo classico, in un periodo in cui tale percorso di studi è spesso trascurato: 6,8% rispetto al 6,7% dello scorso anno. Tiene lo Scientifico (tra indirizzo tradizionale, opzione Scienze Applicate e sezione Sportivo) ed è quello in testa alle preferenze: è stato infatti scelto dal 25,5% degli studenti con una leggerissima flessione (-0,1%) rispetto allo scorso anno.Iscrizioni per l’anno scolastico 2019-20: lieve aumento per il liceo classico Uno studente su tre ha invece optato per un istituto tecnico. Il settore economico è stabile all’11,4%, mentre il settore Tecnologico è stato indicato dal 19,6%, con un leggero incremento rispetto all’anno scorso. Il Veneto si conferma la regione con meno ragazzi che scelgono gli indirizzi liceali e la prima (40%) per i tecnici. I professionali, invece sono in leggero calo. La Basilicata registra la percentuale più alta di iscritti, segue la Campania con il 16% e l’Emilia Romagna (15,8%).

Iscrizioni on line: percentuale bassa in Campania

La procedura di iscrizione on line ha portato qualche difficoltà in Campania, regione nella quale si preferisce rivolgersi alle scuole scelte per effettuare le iscrizioni: solo il 38,90% delle famiglie ha deciso di effettuare l’iscrizione on line. Sulla stessa scia la Puglia, la Calabria e la Sicilia. Le regioni virtuose dell’on line sono invece Friuli (87,46%), Veneto (85,30% e Lombardia (84,80%).