EP, alle Universiadi 20mila pasti prenotati via app. La piattaforma hi-tech made in Naples all’Expo 2020 di Dubai

240
EP, alle Universiadi 20mila pasti prenotati via app. La piattaforma hi-tech made in Naples all'Expo 2020 di Dubai

Ep Spa, società napoletana leader mondiale nel mercato della ristorazione collettiva ha gestito il servizio di vitto e catering in occasione delle Universiadi 2019.

NAPOLI, 17 LUGLIO 2019 – Un’app per selezionare e prenotare i pasti, 20mila consegne effettuate in 75 diverse località, 10 differenti menu preparati a seconda delle tradizioni culturali e culinarie e delle varie intolleranze alimentari, decine di buffet, 14 bar e 54 punti di ristoro con frutta fresca e isotonici.
EP, alle Universiadi 20mila pasti prenotati via app. La piattaforma hi-tech made in Naples all'Expo 2020 di Dubai
E’ il bilancio delle Universiadi 2019 di Ep Spa, società napoletana leader mondiale nel mercato della ristorazione collettiva, che ha gestito il servizio di vitto e catering in occasione del grande evento sportivo.
E’ stato il lancio della nuova App “Meal-box Delivery” per la prenotazione dei pasti la scelta vincente che sarà replicata anche nel corso dell’Expo 2020 a Dubai, negli Emirati Arabi.
 
Per rendere efficiente e rapida la fase di gestione degli ordini e consegna dei pasti Ep ha, infatti, realizzato una piattaforma web (https://epuniversiade2019napoli.ristonova.it/en), abbinata a un’applicazione scaricabile con qualsiasi tipo di device, sulla quale sono stati accreditati tutti i protagonisti delle Universiadi, ognuno dei quali ha avuto la possibilità di prenotare il proprio meal-box in pochi click, indicando il sito di gara.
EP, alle Universiadi 20mila pasti prenotati via app. La piattaforma hi-tech made in Naples all'Expo 2020 di Dubai
“Abbiamo dovuto predisporre menu mediterranei e asiatici, halal ed ebraici, ma anche liste di piatti ad hoc per gli atleti intolleranti al glutine e al lattosio – spiega Salvatore Esposito, numero uno di Ep –.Per fortuna il lavoro dei nostri professionisti (dietisti, nutrizionisti, tecnologi alimentari e biologi) è stato molto apprezzato dagli atleti“.
Innovazione, ma con un occhio sempre attento alla sostenibilità: “Per tutti i pasti serviti sono stati impiegati esclusivamente packaging e stoviglie biodegradabili al 100 per cento come espressamente richiesto dalla Fisu“, sottolinea Esposito. 
Per le Universiadi la società partenopea ha messo a frutto l’esperienza e l’organizzazione già collaudate in due precedenti grandi eventi: l’Expo del 2015 a Milano e la Giornata Mondiale della Gioventù del 2016 a Cracovia, in Polonia.