lunedì, Aprile 19, 2021

Arzano, restano aperte le aziende che operano nell’aria industriale

- Advertisement -

Notizie più lette

Arzano, restano aperte le aziende che operano nell’aria industriale
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.
- Advertisement -

De Luca accoglie l’appello di Aicast: restano aperte le aziende che operano nell’aria industriale di Arzano.

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha accolto l’appello di Aicast ed ha confermato, in una nota di chiarimento, che le imprese che operano nell’aria industriale di Arzano potranno restare aperte.

Questo pomeriggio, il presidente nazionale di Aicast, Antonino Della Notte, aveva scritto una nota congiunta al presidente De Luca, al prefetto di Napoli, Marco Valentini e all’assessore regionale all’Industria, Antonio Macchiello, con la quale lanciava un appello affinché si scongiurasse la chiusura delle imprese insistenti nell’ara industriale del Comune di Arzano, da oggi zona rossa per l’emergenza Covid-19.

Nella lettera, Della Notte, aveva evidenziato che l’Aicast aveva ricevuto “numerose sollecitazioni dagli associati dell’area Industriale di Arzano, zona che è dislocata all’esterno dell’area urbana della stessa oggetto dell’ordinanza quindi dette aziende non impattano sulla specifica situazione sanitaria del Comune poiché tutti i dipendenti di dette Aziende arrivano a lavoro con i propri mezzi e, nella maggior  parte dei casi, non circolando neppure nel centro di Arzano sfruttando  la viabilità a scorrimento veloce che arriva all’area Industriale.

L’incidenza dei dipendenti arzanesi è talmente minima nelle Aziende che risulta irrilevante ai fini dei contagi. Le suddette Aziende lavorano per la maggior parte per esportazioni estere nonché al nord Italia quindi hanno contatti solo con i vettori che scaricano merce grezza o caricano prodotti finiti.

Per queste ragioni l’Aicast aveva chiesto una deroga alla zona rossa per il perimetro industriale. Nel pomeriggio la nota di chiarimento della Regione che accoglieva le istanze dell’associazione.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie