venerdì, Settembre 30, 2022

Agoghè per i Quartieri Spagnoli: un progetto di Giuseppe Ferraro

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormone
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Quartieri Spagnoli: mercoledì 20 ottobre i filosofi Giuseppe Ferraro e Simona Marino (insieme a un entusiasta Maurizio De Giovanni) hanno presentato questa nuova avventura culturale che nasce tra i vicoli di Napoli.

È stata una presentazione molto partecipata quella avvenuta il 20 ottobre 2021 in Piazza Baracche, nel cuore dei Quartieri Spagnoli che ha visto l’intervento di Giuseppe Ferraro, filosofo e ideatore del Progetto, di un entusiasta Maurizio De Giovanni e della filosofa Simona Marino, che ha spiegato più nel dettaglio questa nuova avventura che nasce tra i vicoli di Napoli.

Si è scelto di stare in piazza, tra la gente, che si è fermata curiosa e attenta ad ascoltare gli interventi, perché è per le strade che si svolgeranno le attività previste per contribuire al raggiungimento di un grado di consapevolezza e di educazione alle abilità sociali e etiche.

Il nostro più famoso scrittore ha parlato delle comunità, del rapporto di convivenza anche nei legami di prossimità, nelle corde di panni stesi condivise, della mancanza di intimità che rende questa città unica. Ha ribadito la particolarità e il senso di orgoglio e appartenenza a un luogo sicuramente non perfetto, ma di certo peculiare e straordinario nelle sue tante contraddizioni.

Un bel progetto, il neonato AGOGHÈ voluto con tenacia e illuminazione da Pino Ferraro dell’Associazione Filosofia Fuori le Mura, che trasporta l’etica fuori dagli ambiti istituzionali, nelle piazze, nelle carceri, tra i bambini.

Si attueranno, dopo la selezione di 5 giovani donne e uomini e una formazione di 100 ore in varie discipline, delle postazioni etiche con gruppi di lavoro gestiti dalla figura del Social Trainer, innovativo profilo professionale che guida alle regole della cittadinanza attiva.

I Social Trainer (guide sociali) come moderni “sensali” diventeranno un punto di riferimento sul territorio. Svolgeranno azioni personalizzate all’aperto, nei luoghi turistici, nei vicoli, presso artigiani, ristoratori e tra la gente dei Quartieri, per ascoltare e orientare. Saranno ausiliari di cittadinanza con competenze in ambiti diversi. Educheranno alla cura dell’ambiente, a restituire fiducia nelle istituzioni, istruire al rispetto del bene comune e forniranno informazioni sulle opportunità di servizi e di diritti. Sosterranno iniziative per l’inclusione lavorativa di fasce deboli, per creare reti territoriali e promuovere attività commerciali e artigianali a impatto sociale. Racconteranno la storia dei luoghi, i costumi e le abitudini con sportelli di ascolto/intervento itineranti, postazioni etiche e tour esperienziali di comunità, per diffondere e preservare cultura e tradizioni.

Lo scopo è costruire reti sociali permanenti per facilitare la partecipazione collettiva allo sviluppo di una comunità sociale e alla cura delle relazioni. Promuovere un’economia della “donazione circolare” che coniughi le esigenze dei luoghi con i desideri personali e sia inclusiva delle persone economicamente svantaggiate. Favorire le alleanze dei luoghi della conoscenza per fare della Città una Scuola di Legami. Sono previsti, per tutta la durata dei sedici mesi del progetto, eventi culturali e sportivi che si svolgeranno nel rispetto di ogni differenza. Inclusione, coabitazione, scambio, relazione saranno le parole chiave per la nuova idea di Agoghè per i Quartieri Spagnoli.

Foto: Emanuela Sorrentino

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie