A Torre Annunziata i premi per la VII edizione di “CortoDino”

0
239
A Torre Annunziata i premi per la VII edizione di
Condividi articolo:

Tutto è pronto per l’attesissima VII edizione di “CortoDino”, il Festival Internazionale del Cortometraggio dedicato a Dino De Laurentiis, la cui cerimonia di premiazione si terrà questa sera 20 novembre, alle ore 20.00 presso il Cineteatro Politeama a Torre Annunziata.

A Torre Annunziata i premi per la VII edizione di "CortoDino"Condotta da Gabriele Blair, affiancato sul palco dagli attori e modelli Edda Curcio e Domenico Venti della Freestyle di Pietro Bellaiuto, la serata registrerà la partecipazione del presidente dell’Associazione culturale “Esseoesse” nonché direttore del festival Filippo Germano, del direttore artistico Lucio Ciotola, del sindaco di Torre Annunziata Vincenzo Ascione e dell’attore Ernesto Mahieux, presidente della giuria artistica, cui andrà anche il compito di decretare i vincitori. La rassegna internazionale di cinema dedicata alla memoria del produttore cinematografico Dino De Laurentiis, nato a Torre Annunziata e scomparso l’11 novembre 2010, è stata ideata nel 2011 dall’Associazione culturale no profit “Esseoesse” ed ha come obiettivi la valorizzazione culturale e la promozione turistica del territorio. I cortometraggi sono da sempre i primi lavori di cineasti che si cimentano nel campo audiovisivo e le opere dove si formano, registi, attori, A Torre Annunziata i premi per la VII edizione di "CortoDino"sceneggiatori, artisti e tecnici prima di spiccare il salto verso il grande cinema. Il concorso CortoDino nasce dalla volontà di ricordare e celebrare, nella sua città natale ed in termini non solo commemorativi, la figura e l’opera del produttore. Al festival collaborano istituti scolastici superiori di Torre Annunziata, tra cui il Liceo Artistico Giorgio De Chirico, che da alcuni anni ha attivato per i suoi allievi un “Laboratorio di cinema”, numerose associazioni culturali e Proloco dell’area vesuviana. CortoDino si avvale inoltre dei patrocini di enti comunali e regionali. Obiettivo centrale è di creare un’occasione di incontro, confronto e conoscenza di giovani filmakers che si affacciano nel panorama cinematografico, nel quale sicuramente rilevante è stato il segno lasciato dall’illustre torrese. Presidente onorario del premio è Manolo Bolognini, decano dei produttori italiani, che compì le sue prime esperienze cinematografiche proprio al fianco di De Laurentiis. Ledizione 2017, nel suo percorso itinerante tra i Comuni vesuviani di Trecase, Boscotrecase, Boscoreale e Torre Annunziata, è iniziata nel mese di settembre con proiezioni di docufilm d’autore, anteprime nazionali e selezioni di cortometraggi. I film in concorso sono stati giudicati dal pubblico giovanile sia nelle scuole superiori cittadine (giuria studentesca) che presso location storiche (che rientrano tra le mission di CortoDino come luoghi da riscoprire e valorizzare con il cinema) e sale appositamente attrezzate per le proiezioni. La scelta di sottoporre al giudizio degli spettatori i lavori pervenuti ha consentito, sin dalla prima edizione, di diffondere sempre più la cultura cinematografica attivando un vero e proprio processo di alfabetizzazione al linguaggio del cinema. Nel corso dei suoi sette anni di vita CortoDino ha visto raddoppiare le iscrizioni al concorso, giungendo nel 2017 alla cifra record di circa 3.600 iscrizioni con opere pervenute da 120 Paesi del mondo, tra cui 400 dall’Italia. Il gran finale A Torre Annunziata i premi per la VII edizione di "CortoDino"del festival, nell’accogliente Cineteatro Politeama a Torre Annunziata prevede per quest’anno la consegna dei premi alla presenza di volti noti del mondo dello spettacolo, tra cui Gea Martire, Tommaso Bianco, Giacomo Rizzo, Pio Luigi Piscicelli. Alle opere prime classificate nelle quattro sezioni del premio (Internazionale, Europeo, Nazionale e Talento Campano), scelti dal voto di una giuria popolare e di una giuria artistica presieduta da Ernesto Mahieux, David di Donatello 2003, verranno consegnati premi e targhe CortoDino in pietra lavica lavorata a mano e “menzioni speciali” per i diversi settori artistici e cinematografici.

Condividi articolo: