Terra dei fuochi, PM Napoli Nord scrive al Senato

531
Terra dei fuochi, PM di Napoli Nord scrive al Senato

Terra dei fuochi: il Procuratore Francesco Greco scrive al Senatore Lucio Romano: “Patto imprese-criminali dietro i roghi tossici”.

di Luigi Maria Mormone – Il Pubblico Ministero di Napoli Nord, Francesco Greco, ha scritto al Senatore Lucio Romano, componente della commissione Igiene e Sanità e relatore dell’indagine sull’inquinamento ambientale e gli effetti sanitari nella Terra dei Fuochi. Come riportato da “Il Mattino”, il magistrato denuncia la correlazione tra le aree più inquinate e quelle interessate dal maggior numero di patologie tumorali.Terra dei fuochi, PM di Napoli Nord scrive al Senato Al centro della nota di Greco c’è soprattutto una filiera dello smaltimento illegale tra imprese fantasma e delinquenza comune, che, attraverso un sistema di raccolta “porta a porta”, prima prelevano gli scarti industriali e poi li bruciano nelle campagne. Tale legame è oggetto di studio nell’ambito del protocollo d’intesa siglato tra la Procura di Napoli Nord e l’Istituto superiore della sanità, per un’indagine che coinvolge 38 comuni a cavallo dell’hinterland casertano e napoletano. Sotto la lente di ingrandimento della Procura è finita anche la qualità dell’aria. Dai monitoraggi dell’Arpac, è emerso infatti che le maggiori criticità sono emerse in quella fetta di territorio prossima all’Acerrano e nell’area tra Casoria, Caivano e Giugliano: ovvero i punti più tristemente famosi della Terra dei fuochi. Ed è proprio in questi territori che Greco ha ancora una volta evidenziato la correlazione tra le criticità ambientali e i dati relativi all’incidenza delle malattie tumorali.