Spettacolo a Firenze: Fiorentina-Napoli 3-3

0
454
Condividi articolo:

Bellissima partita del Napoli a Firenze: il 2016 calcistico termina con i fuochi d’artificio anticipati. Bernardeschi, Insigne, Mettere e Zarate esaltano il calcio con giocate e gol pirotecnici. Chi ha visto la partita si è sicuramente divertito.

di Gianmarco Giugliano – Sarri, rispetto al Torino, cambia solo Jorginho con Diawara per dare più fisicità al centrocampo e per avere nel campo un uomo bravo in interdizione. Nel primo tempo il Napoli si esalta nel palleggio e sfoggia una tecnica superiore: il magnifico gol di Insigne (partito però in fuorigioco) è il coronamento di un gioco spumeggiante che annichilisce una Fiorentina che avrebbe dovuto fare proprio del palleggio la sua arma migliore.

La partita cambia nel finale del primo tempo: prima Tagliavento grazia Kalinic dal secondo giallo dopo una vistosa simulazione e poi l’infortunio di un ottimo Chiriches (fino a quel momento) costringe Sarri ad inserire Maksimovic ed a perdere il difensore più rapido del reparto, considerando l’infortunio di Koulibaly.

insigne-lorenzo napoliNel secondo tempo la Fiorentina entra più concentrata e sfrutta la rapidità di Chiesa e Bernardeschi contro la staticità dei due centrali del Napoli. Il pareggio arriva su un tiro su calcio di punizione di Bernardeschi deviato dalla barriera. La partita prosegue ma nonostante una leggera supremazia viola, Mertens sfrutta un errore di Tomovic, lo supera e batte Tatarusanu sul palo lontano. Sembra fatta per Il Napoli: il colpo potrebbe essere psicologicamente devastante per la Fiorentina ma Bernardeschi, appena un minuto dopo, prende palla a centrocampo e fa partire un rasoterra da distanza siderale che Reina non vede. È il gol del 2-2. Le squadre continuano ad avere occasioni e ad affrontarsi a viso aperto alla ricerca della vittoria. Sousa inserisce anche Zarate per rendere ancora più rapide le giocare offensive mentre Sarri inserisce un gagliardo Allan per un più tecnico Zielinsky. La velocità dei viola ha la meglio contro la staticità dei centrali partenopei quando al 75’ Bernardeschi lancia Zarate che con un colpo al volo supera Reina.

Entra anche Gabbiadini per tentare la rimonta e l’assedio finale termina con un rigore per fallo su uno scatenato Mertens. Sul dischetto va un freddissimo Gabbiadini che realizza al 92’ il gol del 3-3, forse il risultato più giusto.

Due squadre che si sono affrontare per vincere ed hanno divertito dimostrando che il calcio diventa bello quando si gioca per lo spettacolo e per la vittoria che può nascere dal bel gioco.

Ottimo il Napoli nel primo tempo così come, ancora una volta, i partenopei prendono tre gol nella ripresa. Buone le prestazioni Di Insigne e Mertens. Un plauso a Gabbiadini che, entrato da poco, riesce con freddezza a realizzare il gol del pari. Ancora insicuro Reina: un portiere del suo livello non può prendere gol da quasi centrocampo. Da rivedere Maksimovic.

Ora c’è la pausa natalizia che regalerà al Napoli l’attaccante di “peso” che manca per dare fisicità alla squadra: Pavoletti è pronto mentre Milik  continua la riabilitazione.

Buon Natale a tutti.

 

Condividi articolo: