Sanremo 2018, Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino con Claudio Baglioni

197
Sanremo 2018, Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino con Claudio Baglioni
Condividi articolo:

Sanremo 2018: ufficializzati i conduttori dell’edizione numero 68 del Festival della canzone italiana (in programma dal 6 al 10 febbraio).

di Luigi Maria Mormone – Quest’oggi è stato ufficializzato il cast di Sanremo 2018: saranno Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino ad accompagnare il direttore artistico Claudio Baglioni nella conduzione dell’edizione numero 68 del Festival della canzone italiana, in programma dal 6 al 10 febbraio. I nomi dei co-conduttori sono stati resi noti al teatro del Casinò di Sanremo durante la conferenza stampa di presentazione della manifestazione. La showgirl svizzera Michelle Hunziker, che condurrà il festival per la seconda volta dopo aver affiancato Pippo Baudo nel 2007, si è detta “davvero gasatissima”. Le fa eco l’attore Pierfrancesco Favino: “Per me è una cosa nuova, un nuovo battesimo. Sono fan del festival da quando ho 5 anni”. Il direttore artistico Claudio Baglioni vuole un festival di Sanremo 2018 rivoluzionario, legando al festival numero 68 lo storico slogan sessantottino “potere all’immaginazione”: “È la 68ma edizione e il 68 mi ha dato anche un’altra suggestione, flower power, quando tutto il mondo pensò che il futuro potesse essere una gran bella cosa. Metterò al centro la musica e spero che qualche piccola rivoluzione saremo in grado di portarla con questo Festival“, dice il cantautore romano. Tra gli ospiti di Sanremo 2018 spiccano Laura Pausini, Liam Gallagher e Sting, per i quali “la regola d’ingaggio è che rendano omaggio alla canzone italiana“, precisa lo stesso Baglioni. L’attesa si fa sempre più crescente col passare dei giorni, aiutata anche da simpatici spot pubblicitari, in cui alcuni conduttori delle passate edizioni di Sanremo (come Carlo Conti, Pippo Baudo e Fabio Fazio) “incoraggiano” Baglioni, ricordandogli le difficoltà da attraversare per l’organizzazione della kermesse canora di Rai 1. Quel Festival che da decenni catalizza l’attenzione di milioni di tele e radioascoltatori (anche Radio 2 lo seguirà come sempre minuto per minuto).

Condividi articolo: