Matteo Salvini al presidente Cei Bassetti: “Lega è argine a caos”

482

Matteo Salvini: il leader della Lega Nord replica al presidente della Conferenza Episcopale Italiana Gualtiero Bassetti (che aveva fatto un discorso contro razzismo e xenofobia).

Il segretario della Lega Nord Matteo Salvini è intervenuto questa mattina alla trasmissione di Rai 3 Agorà, affrontando con la consueta combattività diversi temi in vista delle prossime elezioni (in programma il 4 marzo). A proposito delle parole sulla razza bianca pronunciate da Attilio Fontana (candidato governatore del centrodestra alla regione Lombardia), il leader leghista ha detto che “razza è una parola a sproposito, per carità di Dio”. Salvini aveva parlato di “razza bianca” anche in un’intervista a Repubblica, sottolineando la ferma volontà di “difendere una cultura che è a rischio. Fate due passi per Milano o per Roma. Ascoltate la denuncia del rabbino capo Di Segni, che denuncia che una parte di immigrazione non è disposta a convivere in base alle nostre regole e a quello che prevedono le nostre libertà e i nostri diritti. Lo sottoscrivo”.Matteo Salvini al presidente Cei Bassetti: “Lega è argine a caos” Nel corso di Agorà c’è stata inoltre la sua risposta al presidente della Conferenza Episcopale Italiana, il cardinale Gualtiero Bassetti, che nella giornata di ieri, in occasione dell’apertura della sessione del Consiglio episcopale permanente in corso a Roma, ha fatto un discorso contro razzismoxenofobia (richiamando anche la “pagina buia della storia del nostro Paese”, ovvero quella della leggi razziali del 1938): “Lo incontrerò volentieri –ha affermato il segretario leghista- per spiegargli cosa farà la Lega al governo. Noi chiediamo semplicemente il rispetto delle regole, la Lega è un argine alla confusione e al caos”. Altra questione affrontata è un’altra storica battaglia della Lega Nord: quella contro i rigorosi vincoli di bilancio imposti dall’Unione Europea. A tal proposito Salvini auspica una revisione dei regolamenti: “I numerini uno prova a rispettarli –ha sottolineato- ma se per rispettarli muori allora le regole vanno ridiscusse”.