Maltempo in Campania. La rabbia di De Magistris

8980
Condividi articolo:

Maltempo in Campania. Un giovane muore in Irpinia. Danni a Napoli, Caserta, Salerno, Avellino e comuni limitrofi. La rabbia di De Magistris in un post su Facebook.

danniIl maltempo è arrivato e non sono mancati i disagi e i danni provocati dai forti temporali che da ieri mattina si susseguono su Napoli. Un giovane è morto in Irpinia a causa di un incidente stradale ma non è certo che sia stato causato dal maltempo. Stanotte intorno alle 2.00 si è scatenato un violento temporale. E’ mancata la corrente in molti quartieri. Scantinati allagati da pietre e fango nell’Avellinese, precisamente tra Montoro e Forino. Già nella nottata superlavoro per i vigili del fuoco del comando provinciale di Napoli che, secondo quanto riferisce la centrale operativa, sta facendo fronte a numerosissime chiamate di soccorso provenienti da tutto il Napoletano. Al momento tutte le squadre sono impegnate per allagamenti, soprattutto a Torre Annunziata e nella zona di Giugliano in Campania. danniA Napoli, voragine sul corso Meridionale: sprofonda un’auto. Disagi alla circolazione dei treni della Circumvesuviana tra le province di Napoli e Salerno. A causa degli allagamenti che hanno interessato la stazione di Scafati, l’Ente Autonomo Volturno ha infatti comunicato che «la linea Napoli-Poggiomarino è limitata alla tratta Napoli-Pompei e viceversa». «La lotta dovrà essere sempre dura e determinata in difesa dei beni comuni. Senza confini, unendo le persone nella partecipazione e nella lotta. Dai terremoti, alla siccità, agli incendi, ai nubifragi, al dissesto idrogeologico. È vergognoso lasciare senza risorse i territori, senza difese gli abitanti e mettere con il cerino in mano i sindaci». È il post pubblicato stamani dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. «Non è più sopportabile che i Governi trovino miliardi per salvare banche e miliardi per armi di distruzione di massa e non vogliano predisporre norme, provvedimenti e risorse per tutelare, valorizzare e mettere in sicurezza la bellezza della nostra Italia. danniNatura, paesaggio, cultura, storia. Bisogna arrestare questa corsa distruttiva attuando la Costituzione e rimuovendo gli ostacoli che impediscono lo sviluppo delle persone». Il Comune di Napoli ha varato un piano maltempo per potenziare pulizia delle strade e potenziare i soccorsi. In Campania la protezione civile ha esteso lo stato di allerta all’intera giornata di oggi. Lo stesso presidente della Regione, Vincenzo De Luca, è in costante contatto con i tecnici per conoscere, in tempo reale, ogni sviluppo della situazione meteo sulla Campania.

Caserta – Sono numerosi i danni provocati dal maltempo nel Casertano, soprattutto dalla grandine caduta copiosamente. Nella vicina Cesa il cimitero ha subito parecchi danni e resterà chiuso, così come il parco giochi per motivi di sicurezza. Problemi anche negli altri comuni dell’Agroaversano, soprattutto a Carinaro, con gli alberi della villetta comunale caduti, così come le luminarie nella centralissima piazza Trieste, ridotta cumulo di macerie; tanti i tetti scoperchiati con due famiglie sgomberate, una strada è completamente allagata. Cospicui i danni anche a Marcianise.

Campi Flegrei – Disagi e danni anche nell’area flegrea. Il nubifragio ha provocato numerosi allagamenti di strade e terranei e il crollo di una impalcatura a Monte di Procida. Nel più piccolo dei comuni flegrei si sono vissuti attimi di panico per il cedimento di un’impalcatura di un cantiere edile per un fronte di circa tre metri nel centralissimo corso Garibaldi, strada frequentatissima dalla movida. A Pozzuoli, invece si è allagata la strada di accesso al pronto soccorso dell’ospedale che si trova in località La Schiana. Altre criticità si sono registrate in via Giovanni da Procida e nella zona di Acquamorta.

Ischia – Massima attenzione per il maltempo a Casamicciola, nelle zone maggiormente colpite dal terremoto dello scorso 21 agosto

Salerno – Nel Salernitano in particolare c’è grande apprensione, tutti i sindaci hanno attivato le procedure di sicurezza, a cominciare da quello di Salerno, Vincenzo Napoli, che alla luce dell’ampliamento dell’allerta diramato dalla Protezione Civile ha disposto la chiusura, in via precauzionale, di tutte le scuole cittadine che avevano deciso di aprire i battenti oggi. Grande preoccupazione anche a Cava de’ Tirreni dove il sindaco Vincenzo Servalli ha disposto l’evacuazione di sedici nuclei familiari che risiedono in una frazione, località San Felice, che si trova nell’area Nord-Est del territorio comunale. La decisione di rinviare l’apertura dell’anno scolastico è stata presa anche dal primo cittadino di Sarno. Scuole chiuse anche a Torre del Greco.

Condividi articolo: