Facebook a pagamento: la chat era una truffa

419
Condividi articolo:

Truffa social: una chat virale invita gli utenti a girare un messaggio ai tutti i contatti per continuare ad utilizzare Facebook gratis.

 di Chantal Collaro – La Polizia di Stato in una nota pubblicata sui social avvertiva gli utenti di Facebook di un nuovo tentativo di truffa da parte degli hacker. I truffatori, tramite una catena di Sant’Antonio, hanno esortano gli utenti del popolare social ad inviare ad almeno 18 contatti il messaggio appena ricevuto se volevano continuare ad utilizzare gratis Facebook. Come al solito, in questo tipo di propagazione, la tecnica è sempre la stessa: indurre con messaggi il destinatario a spedire a sua volta il messaggio. Dopo aver diffuso la chat “truffa” arrivava un messaggio firmato Mark e l’icona di Facebook che diventanto di colore blu confermava che l’utilizzo del social restava gratuito. Tutto falso. Gli hacker hanno anche fissato una deadline e se l’utente non eseguiva il compito nei tempi stabiliti, la pagina web sarebbe stata accessibile solo a pagamento. Inoltre, per creare il panico tra gli iscritti e spingerli a agire prontamente, i truffatori minacciavano la perdita di tutti i loro contatti. Non solo. Per far apparire “la truffa” più attendibile, hanno usato uno espediente tecnico alludendo ad un aggiornamento che doveva avvenire “dalle 23:00. fino alle 05:00 di questo giorno”. Per finire, hanno indicato il prezzo a carico dell’utente dopo la fatidica data, cioè 0,37 centesimi a messaggio. Scattato l’allarme è stato subito pubblicato un avviso sul profilo Facebook della Polizia “Commissariato di PS online -Italia”. Le forze dell’ordine usano frequentemente questo mezzo per avvertire i cittadini contro le truffe informatiche. Negli giorni scorsi, un altro episodio di truffa si è verificato tramite un messaggio diffuso su Whatsapp. Il messaggio invitava a cliccare su un link simile a quello ufficiale del marchio Ferrero garantendo in regalo una confezione della famosa multinazionale italiana. Per ridurre le possibilità di essere colpiti dagli hacker, la migliore arma rimane la prevenzione. È molto importante evitare di cliccare su link sconosciuti, come quelli arrivati tramite l’ email spam. È importante sottolineare che Facebook, come d’altronde WhatsApp, vengono aggiornati solo attraverso i canali ufficiali. Infine tenere sempre i software antivirus aggiornati.

Condividi articolo: