Centrodestra, vertice ad Arcore Berlusconi-Salvini-Meloni

761
Matteo Salvini in conferenza stampa:
Invia Tramite:

Il centrodestra si prepara alle prossime elezioni con il primo incontro tra i leader in casa del Cavaliere. Ma Di Maio frena: “Non cantino vittoria troppo presto”.

E’ partito il countdown verso le elezioni del 4 marzo. Il centrodestra vede ‘rosa’: ‘Non possiamo disperdere il vantaggio’, dice Gasparri. E i sondaggi pesano nel dibattito Salvini-Cav sulla premiership: oggi vertice dei leader ad Arcore.

Matteo Salvini incontrerà Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni ad Arcore nel primissimo pomeriggio. Lo rende noto un comunicato della Lega. Sarà il primo – viene spiegato – di una serie di vertici del centrodestra, il prossimo sarà organizzato in casa Lega, per definire programmi e strategie in vista delle politiche del 4 marzo. Salvini chiederà agli alleati l’impegno ufficiale ad azzerare la legge Fornero come primo atto del nuovo governo.

“Non cantino vittoria”, replica il M5s con Luigi Di Maio“Ho visto una serie di proiezioni sui giornali che dicevano che il centrodestra vince nei collegi uninominali, ma è una sciocchezza perché noi non abbiamo ancora presentato i nostri nomi per l’uninominale”. Lo dice il candidato premier M5s Luigi Di Maio, in un video registrato a Porto Marghera e pubblicato su Facebook.

Centrodestra, vertice ad Arcore Berlusconi-Salvini-Meloni“Aspetterei a cantare vittoria: il centrodestra – afferma – candida Mastella, Cirino Pomicino, Micciché e personaggi impresentabili o improponibili. Noi invece stiamo avendo un sacco di disponibilità sui territori di persone del mondo delle imprese e delle associazioni, persone che hanno combattuto battaglie importanti, giovani laureati… Ci onorano della loro disponibilità: anche grazie a loro vinceremo e andremo al governo. Vi invito a diffidare delle proiezioni, non tengono conto dei nomi che metteremo in campo”.

Di Maio lancia un appello: “Le persone oneste, le migliori energie del Paese, si facciano avanti. Il M5s è una forza politica inclusiva, non esclusiva. Chi vuole provare a cambiare le cose partecipando, ha un’unica forza che permette la scelta democratica delle liste e non la cooptazione delle segreterie”. (ANSA).

Invia Tramite: