Concorsopoli, Cantone: “Pronto un piano anticorruzione”

517

Lo scandalo concorsi truccati ha portato il presidente dell’ANAC Cantone e la ministra dell’istruzione Fedeli a realizzare un piano anticorruzione.

di Luigi Maria Mormone – Lo scandalo dei concorsi truccati all’università (che ha portato all’arresto di sette docenti a Firenze) ha spinto il presidente dell’Autorità Nazionale Raffaele Cantone a progettare immediatamente un piano anticorruzione, che sarà presentato entro la fine del mese ottobre. Il piano (che sarà elaborato insieme alla ministra dell’istruzione Valeria Fedeli) prevedrà l’istituzione di responsabili anticorruzione in ogni ateneo italiano, nell’ottica della prevenzione di qualsiasi episodio di malaffare. In un’intervista a Repubblica, il presidente dell’ANAC ha ricordato che già un anno fa, proprio a Firenze, denunciò il malcostume universitario, in particolare sui concorsi, ma la reazione fu soltanto l’indignazione da parte di alcuni professori. Il piano allo studio con la ministra Fedeli avrà come obiettivo quello di “aiutare l’accademia italiana a tutelare la propria autonomia. Anche le persone con più capacità, a volte, per sopravvivere devono sottoporsi a pratiche umilianti, specialmente ora che i finanziamenti al mondo accademico sono diminuiti e la competitività per pochi posti è diventata estrema”.